Holi a casa mia







Metti che una decida , nell'unica settimana in cui non è in trasferta, in cui non ha sostituzioni e in cui i suoi pazienti personali sono o troppo malati o troppo sani per aver bisogno di lei, di ricambiare degli inviti a cena o di inventarsene lei. Metti che,  essendo una che ama preparare  in casa dalla A alla Z le pietanze che offre ai suoi invitati, inizi di buon'ora a sfaccendare in cucina, prepari il ragù, prepari la torta, abbia messo dalla sera precedente l'impasto del pane a lievitare e, lessato il cavolfiore per l'insalata di rinforzo, si accinga ad impastare le tagliatelle. Metti pure che abbia un Guru indiscusso che venera come un idolo in fatto di impasti. Metti che il Guru, quando l'apprendista pastaia si accingeva ad imparare l'arte ammazza tensione dell'impasto, le abbia soffiato all'orecchio un segreto: "se vuoi usare meno uova per l'impasto delle tagliatelle ma non vuoi  presentare dei vermetti pallidi e smunti in tavola, basta che butti lì tra le farine della curcuma che fa bene e mette il sole nella lasagnetta". Metti che, la sventurata si sia dotata di una generosa dose di curcuma e che la lasagna curcumata in effetti sia un tocco di luce nel brumoso inverno della palude padana. Metti che l'ignara cuoca abbia esaurito il posto per l'ennesimo vasetto delle spezie nella suo affollato armadietto drogheria, e incautamente abbia lasciato la curcuma nel sacchettino con cui le è stata venduta dalla speziale, metti che la mano della bassa ancorché scellerata impastatrice si allunghi quasi al limite delle sue possibilità per afferrare il suddetto sacchetto, metti che quindi l'occhio sia impossibilitato a scorgere ciò che una cuoca più dotata in centimetri di gamba o che solitamente cucina con un tacco 15 (vedi per esempio la Parodi) avrebbe facilmente notato, e cioè che il fondo del sacchetto della curcuma ha ceduto, non si sa perché nel bel mezzo di una mattina radiosa di mezzo febbraio. Ecco metti tutte queste cose insieme e capirai come Holi quest'anno si festeggi anticipatamente in una cucina di una roulotte posta al quarto piano senza aspettare il solstizio di primavera. Poi però non vi domandate perché una impreca in tutte le lingue comprese Indù, Parsi e Urdu

Commenti

  1. e la foto dei colori? tutto giallo oro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio se taci, che hai la tua parte di colpe😠

      Elimina
    2. Ha ha ha, come farei senza di te!!!!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Mi sono conquistata un posto nella tamarreide?

      Elimina

    2. Sarebbe da verificare la natura del porcone che hai tirato giù all'atto del cedimento della busta...ma direi che ci stai dentro sorella!
      Massimo Rispetto.

      Elimina
    3. Sarò veneta per qualcosa!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Se hai tempo limitato e ospiti a cena, togliere la curcuma dalla cucina non è salute, si chiamano lavori forzati

      Elimina
  4. Fammi capire...oltre la cucina anche i tuoi capelli e la tua pelle sono colorati? Chapeau! Io sono riuscita solo a diventare un fantasma con la farina (stesse identiche modalità,ma dovevo fare una torta) . Le formiche che ospito al mare hanno fatto incetta x l'inverno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No mi sono simpaticamente risparmiata😬

      Elimina
  5. Hahahaha! Questa scena l'ho vista proprio con i miei occhi, da come l'hai raccontata bene. Mi pareva pure di sentire una musica bollywoodiana in sottofondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ad un certo punto pensavo di sceneggiarla stile Bollywood ma poi ero ancora troppo fumante per dilungarmi in canti e balli😁

      Elimina
    2. ma com'erano poi le tagliatelle? non ce l'hai detto...o forse la curcuma è finita tutta sulla cucina e non hai potuto usarla??!

      Elimina
    3. Hanno fatto tutti il bis 😊

      Elimina
  6. Ah ah ah!!! CHe meraviglia il tappeto di curcuma! Scusa scusa, immagino tu non abbia riso di cuore al momento...però noi abbiamo vinto un divertentissimo post :D

    RispondiElimina
  7. Fatto non insolito, non solo per la curcuma, però ho riso di cuore per come lo hai raccontato. Per il futuro consiglio questo o uno simile.

    E comunque i cavolfiori sono meglio al vapore che lessati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho l'incubo del cavolfiore al vapore, alla mensa dell'ospedale lo fanno rimanere così poco sul vapore che un cristiano resta molto ma molto meno in un bagno turco e si finisce per mangiarlo come appena raccolto dall'orto

      Elimina
    2. Direttamente in padella! Olio e poca acqua e coperchio su, fidati :)

      Elimina
    3. Oh ma così sì che lo faccio, ma non va bene per l'insalata di rinforzo!

      Elimina
  8. Ho dovuto mettere gli occhiali da sole per guardare quella foto immagino il resto...

    RispondiElimina
  9. Ecco il perché di tutta questa luce e colori forti in pianura padana questi giorni ... oggi non più, forse perché hai finito di pulire la cucina? :)

    RispondiElimina
  10. Be', così hai cambiato colore alla cucina! Dovevi approfittare e dipingere tutto di giallo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I mobili sono verde bosco!

      Elimina
    2. Be', una bella combinazione vivace, no?

      Elimina
  11. La curcuma è una piaga sociale e questo post me lo conferma.

    RispondiElimina
  12. Tra l'altro non è che venga via proprio facilmente :D
    Povera Amanda :D :D
    (scusa le risate)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari