Distopia, distopia per maligna che tu sia






Esistevano già 1984, arancia meccanica, ranxerox, metropolis, la gente li leggeva, si angosciava o meno a seconda del personale sentire e via, passava ad altro.
Ora no, la gente legge i racconti dell'ancella, tutto il nostro sangue e poi va avanti di lungo a spararsi pippe mentali sulla distopia, che io, ignorante come una talpa, la prima volta sono dovuta andare a vedere cosa significasse.Non solo, le librerie, che hanno, solo per dovere, due scaffali di secoli di poeti, hanno un intero reparto dedicato alla distopia, perché va più del pane  in questi tempi di lotta al glutine, non si può stare senza, perché tutti discernono di distopia, sono tutti cultori della materia. Siamo proprio dei pecoroni. Invece di preoccuparci dell'aria che respiriamo, dell'acqua che beviamo, delle guerre, della fame, delle migrazioni obbligate, della scomparsa di una percentuale impressionante di specie animali , cose che ci trascineranno in un futuro ben peggiore di quello paventato dai nuovi romanzoni modaioli, stiamo lì a gingillarci su chi si fa la pippa più malefica, perché va bene così.
Portate pazienza, è solo lo sfogo di un'acida signora di mezza età, è lunedì

Commenti

  1. acida signora di mezza età è più facile immaginare che fare.... potremmo cominciare noi signore di mezza età a fare qualcosa nel nostro piccolo

    RispondiElimina
  2. Assolutamente d'accordo una "moda"che va molto anche nelle serie TV (da quel che mi raccontano non ho la tivù).

    RispondiElimina
  3. Guarda che il bello (si fa per dire) della distopia è riconoscere che la stiamo già vivendo.

    RispondiElimina
  4. È solo un nuovo nome a da dare a qualcosa che c'è da sempre. Marketing, e come si vede funziona.
    Viva Ranxerox anti eroe dei miei vent'anni viva Arancia Meccanica, bel film e ancora migliore libro, un delirio linguistico strepitoso.
    Amanda mi pare noi si abbia un simile beckground, deve essere per quello che mi ritengo con orgoglio un'acida vecchia signora anche io. :)

    RispondiElimina
  5. La stiamo vivendo in Veneto in questi giorni, ma non solo noi, per esempio negli Usa raccontati da Silvia :(

    RispondiElimina
  6. Da giovane non avevo tanti pensieri per la testa quindi non le facevo "mentali"
    Distopia l'ho letto tre volte per leggerlo bene e ho sperato che me lo spiegassi te ma ...
    Sono un po' strabico, sarò distopico?
    Il referendum che avete appena votato è distopico? A me mi pare una strombata.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ho notato anch'io nelle librerie. C'era anche, c'è ancora, Il mondo nuovo di Huxley.

    RispondiElimina
  8. No. Non è un mondo per me, ricordo ancora la rabbia e il disgusto nel vedere allora " arancia meccanica" che forse ormai è considerata dai più una mammoletta mentre per me è ancora oltre il troppo. Non riesce ad attrattarmi nulla che gira (anche se solo molto al largo)attorno al concetto di
    violenza, maleficio o gratuita cattiveria.

    RispondiElimina
  9. Bella la scelta di mettere Ranxerox di Libeatore e Tamburini!

    RispondiElimina
  10. Per arrivare allo scenario distopico dobbiamo prima distruggere il pianeta su cui viviamo... quindi mi sembra coerente disinteressarsi della realtà e dell'attualità.
    (che poi non c'è niente male nel leggere fantasy o horror)

    RispondiElimina
  11. Io sono un esperto di zombi, se nel futuro potrà servire .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porco, nella prossima vita😂😂

      Elimina
    2. Troppe cose belle nella prossima vita Manzè

      Elimina
  12. e ma ci siamo dentro ma che dire ci piace guardare attraverso le vetrine, prima o poi scopriremo che c'è un altro che ci guarda dall'altra parte

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari