Il mostro delle montagne


Simone Rea




Questa è la storia di un mostro gentile. Ma come, direte voi, i mostri non sono gentili. Ma state a sentire e capirete: quando era bambino il mostro era solo perché gli altri bambini avevano paura di lui, non che fosse particolarmente brutto o deforme, solo era silenzioso e non sapeva stare con gli altri. Questo lo rendeva diverso, iniziarono ad attribuirgli azioni e pensieri che non gli appartenevano e finì lui stesso per farsi paura guardandosi allo specchio. Il mostro crebbe e sapendosi tale, ed essendo gentile di animo, si trasferì a vivere sui monti, ma anche questo alla gente non andava bene, serviva un mostro in città di cui avere paura. Così, seguendo d'istinto la sua innata gentilezza, il mostro decise che sarebbe comparso ad una determinata ora su una montagna diversa, perché la gente avesse sempre di che spaventarsi. Ancora oggi se ti trovi a passeggiare al tramonto sui monti, guarda ad est, dove la notte già ghermisce la volta celeste, se avrai fortuna lo vedrai, mostrati spaventato, regala un sorriso a quel mostro gentile


Questa storia nasce su instagram, Simone Rea, ha creato oggi in diretta il suo Monster of Mountain che mi è piaciuto moltissimo. Così, come avvenne per la ragazza tulipano, gli ho detto che meritava una storia e lui mi ha risposto: prova. Ed eccoci qui

Commenti

  1. Spesso, anche dietro ai nostri aspetti più mostruosi, alberga un po' di gentilezza. Nel tuo caso, di mostruoso ci sono solo le tue doti narrative e psicologiche.

    RispondiElimina
  2. perché mi vien da piangere?
    forse perché mi sento un po’ mostro anche io.
    forse perché la mostruosità è negli occhi di chi la guarda?

    se dovessi incontrarlo lo
    prenderei per le mani e ci spaventeremmo a vicenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mostruosità è sicuramente negli occhi di chi la guarda, ma che mostro dovresti essere tu che stai a pennello in mezzo alla gente, arrivi come la migliore contastorie tutti ti ascoltano e quando parli dei tuoi dolori a tutti viene voglia di abbracciarti

      Elimina
  3. Quando s'ha in odio qualcuno anche le più belle gentilezze si scambiano per mostruosità
    ed è così che nei racconti della gente si può cogliere l'odio per il diverso o il far diventare diverso qualcuno per odiarlo meglio e in compagnia (proprio quello che hai fatto te col tuo mostro).
    Per finire: a me i mostri mi piacciono, ce n'ho uno dentro che mi tengo ben stretto e spesso m'aiuta anche. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto quel tuo mostro fa capolino 😉

      Elimina
    2. è cosi vero ciò che hai scritto Massimo. Così vero e toccante (almeno per me) che il mostro finisce credersi tale, come racconta Amanda.

      Elimina
  4. Chi affronta il rischio educativo e fallisce crea piccoli mostri.

    RispondiElimina
  5. "... siamo solo noi mostri" (Blob - fluido mortale, o Blog?).

    RispondiElimina
  6. Ho letto con grande interesse.

    RispondiElimina
  7. Che bella la foto che hai messo in testa al blog. Per quanto riguarda l'odio Gandhi sosteneva che "Occhio per occhio e il mondo diventa cieco".
    Auguri buon anno. Ci ri-leggiamo la prossima settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri anche a te! La foto è una di quelle degli sfondi di blogger. E Ghandi era Ghandi per qualcosa

      Elimina
  8. Molto attuale, giacché - purtroppo - siamo in un'epoca che crea mostri ad arte. Anzi, lasciamo stare l'Arte, (che potrebbe offendersi), diciamo che è un'epoca che li crea spropositatamente a proposito.

    RispondiElimina
  9. È vero che la mostruosità sta negli occhi di chi guarda, ma è vero pure che a volte si nasconde sotto splendide spoglie...Brava Amanda, personalmente mi auguro un altro anno (anche) di parole tue :)
    Ah, e auguro un anno bello bello anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri, a te un anno di cose belle da condividere

      Elimina
  10. è bellissimo come è nata questa storia! grazie!

    RispondiElimina
  11. e come sempre è una bellissima storia, grazie grazie

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari