Il sacco




Shaun Tan

La prima volta in cui la videro passare la frontiera con un sacco come bagaglio a mano, ci furono strani sguardi tra agenti della dogana, ma poi in fin dei conti il contenuto del sacco non evidenziava nulla di potenzialmente pericoloso passando sotto lo scansionatore a raggi X dell'aeroporto, quindi perché andare tanto a cavillare. La donna aveva allora continuato ad attraversare l' Oceano e poi tutte le pianure e a scorrere verso il basso come la corrente equatoriale del nord per tornare al minuscolo appartamento dove divideva disordine ed amore con il collezionista di meteore, nonché cacciatore di istanti per i posteri e a ripartire dopo qualche mese con un nuovo sacco. Il sacco pareva  ogni volta pesante, nonostante ciò, la donna lo trattava con la massima cura, non se ne separava mai, lo posava con delicatezza, quasi come una madre con il bambino, non lo metteva mai in terra, lo teneva in grembo, a volte ci posava sopra una mano lieve come una carezza, tuttavia si capiva che per il resto era invece una donna pratica, non incline alle smancerie. Il sacco conteneva parole, parole italiane, quelle parole che molti andavano sgualcendo, scolorendo, alterando; erano parole scelte con cura, coltivate, allevate, soppesate, valutate; parole che, una volta che avevano passato quel vaglio attento, venivano cucite sapientemente seguendo uno schema di ricamo tracciato da altri, di cui la donna voleva rispettare sequenze, ritmi, misure, contrasti, perchè nulla della bellezza originale andasse perduto. Bisognava amare molto la parola scritta per fare quel lavoro e farlo bene, bisognava regalare molto di sè, senza che però tutto questo trasparisse, come la voce in un coro ben armonizzato, indispensabile quanto invisibile. Portava quel sacco pieno di parole per poter condividere una pagina ben narrata e le emozioni che questa aveva suscitato in lei, per poterle trasmettere. E quello che non sapevano i doganieri, che nel sacco avevano guardato, e anche coloro che del suo lavoro si nutrivano ma non la conoscevano, era che ogni volta che giungeva di qua dell'oceano, c'era uno strano corteo ad attenderla. Il corteo era rumoroso, anzi per meglio dire sonoro ed era alato e piumato, una pattuglia di cinciallegre lo apriva, il mastrocerimoniere pettirosso veniva a porgere i suoi omaggi, mentre piccoli colibrì le recavano le chiavi di casa che avevano custodito in attesa del suo ritorno. Ogni volta la cerimonia si concludeva con l'apertura del sacco, i nuovi libri prendevano il volo pronti a saziare anime affamate, un  ciclo si chiudeva, il sacco era pronto a riempirsi di nuove parole.



BUON COMPLEANNO SILVIA!

Commenti

  1. parole bellissime per una che con le parole ci sa fare.... BUON COMPLEANNO SILVIA!!!

    RispondiElimina
  2. Vorrei essere Silvia in questo momento! Auguri Silvia cara, questo meraviglioso post lo meriti tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoi spiccicare questa data che quando è stata l'hai detta con ritardo ed ho paura di fare gaffe!

      Elimina
    2. 3 aprile! ora ho un motivo in più per essere felice il giorno del mio compleanno :)

      Elimina
  3. Grazie cara Amanda, quelli dell'anno scorso erano una meraviglia e quelli di quest'anno pure. Mi hai mandato un pacco dono pieno di parole tutte colorate e bellissime, e tutte scritte apposta per me. Sei un vero tesoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. felice che ti siano piaciute: auguri Silvia, un abbraccio

      Elimina
  4. BUON COMPLEANNO SILVIA!
    E grazie per il dono che ci fai con il tuo prezioso, accurato e mai abbastanza esaltato lavoro.
    Auguri

    RispondiElimina
  5. Cara Silvia mi unisco al coro rumoroso e cinguettante per farti tantissimi Auguri di Buon Compleanno!
    Splendide parole per una splendida persona....... <3

    RispondiElimina
  6. bellissimo compiere gli anni, vero Silvia? Auguri splendida ragazza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bellissimo soprattutto per gli auguri di Amanda!

      Elimina
  7. Di sicuro nel sacco, d'ora in poi, ci saranno anche queste parole scritte da Amanda, cosi' preziose!

    RispondiElimina
  8. Mi unisco agli auguri e ai complimenti per questo post!!! :-)

    RispondiElimina
  9. Auguri tardivi ma sinceri, Silvia!

    RispondiElimina
  10. Auguri Silvia! arrivo tardi... valgono ugualmente? :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari