Alieni allo specchio 2


James Guppy




Mi chiamo Filippo M. sono un noto e stimato professionista della mia città.
Qualcuno potrà obiettare che, venendo da una famiglia come la mia, la notorietà non è un  mio merito, ma la stima professionale la rivendico, me la sono costruita giorno dopo giorno, come tutto di me. Il mio aspetto non  si addiceva al mio ruolo sociale. Mi sono rimaste queste gote da fanciullo semi imberbe che si infiammano per un nonnulla e non si va a trattare col nemico con le guance che si arrossano. Ho lavorato, lavorato, lavorato duramente su me stesso, perché tutti, tutti, tutti mi hanno sempre provocato.
Da piccoli mio padre ci forgiava con quella doverosa competitività che si deve inoculare nei virgulti di razza padrona, uno contro l'altro sempre, dividi et impera era il suo motto, ma i miei fratelli arrivavano sempre prima e meglio. Era la mia vergogna e le mie guance sempre lì, come un semaforo a tradire il mio dispiacere e la mia rabbia. 
Mia madre aveva sposato la sua ascesa sociale, più che mio padre: sfornare eredi era il suo mezzo per raggiungere il fine. Una volta consolidato il suo stato, procreando da brava di fattrice col seme del toro da monta più pregiato, aveva abdicato al ruolo di madre, aveva tempo solo per bridge e raccolta fondi di beneficenza e sembrava dedicarmi attenzioni solo quando si divertiva a stuzzicarmi ogni volta che rimanevo indietro.
Io inghiottivo fiele e piangevo a calde lacrime, poi ho imparato ad inghiottire fiele e a ricacciare le lacrime, ed urlavo per rivendicare i miei diritti, ma c'erano loro, le mie maledette guance, a tradirmi.
Più crescevo, più imparavo a dominare il tono della mia voce nei momenti della rabbia, ormai sapevo emettere le note di un flauto, avvelenate come cianuro ma profumate in bocca , sapevo impartire rasoiate con il distacco di uno stilita dall'alto della sua colonna. Con la mia voce soave e quelle guance da pecorella smarrita mi confezionai una maschera da perfetto seduttore, la indossai e nascosto dietro ad essa fui in grado di allontanare da me le donne che mi avvicinavano al solo scopo di fare la loro ascesa sociale, vacche come quella che mi aveva partorito. Poi giunse lei, e non è neppure bella, ma ha la padronanza della sua mente e della sua parola ne fui sedotto ed iniziò tra noi una partita a scacchi che poi si trasformò in una partita a poker, più il gioco si faceva duro più si alzava la posta. A me piaceva sadicamente umiliare il suo fisico, amavo ricordarle quanto non fosse bella, ma poi me la scopavo con gusto, dopo averla fatta piangere; a lei piaceva sadicamente schernirsi della mia intelligenza. Giocavamo con i nostri punti deboli come il gatto con il topo. Un giorno dopo l'ennesima lite, uscì di casa dicendomi "guardati la faccia quelle tue ridicole guanciotte stanno andando a fuoco, è inutile che tu finga di essere indifferente, vado a farmi un giro così te la fai sbollire". Capii che dovevo passare all'azione. Quando tornò tre ore più tardi avevo fatto un bel lavoretto e mi sentivo terribilmente calmo e lei capì subito che il gioco era salito di un livello. Con un martello avevo ridotto in minuscole schegge il bidet del bagno che usa lei. Lessi un "filino" di panico nel suo sguardo, che mi eccitò terribilmente e tornai a parlarle con le note del flauto, ma non durò che una frazione di secondo, non voleva darmi soddisfazione. Dopo qualche giorno di tregua ricominciarono le schermaglie e come ogni volta era lei a provocarmi. Questa volta la presi per i capelli, la feci mettere in ginocchio e la obbligai a chiedermi scusa e siccome si rifiutava la colpii sulla bocca, un solo colpo, ma duro, perchè capisse che non può, proprio lei, mancarmi di rispetto. Stupore, certo fu stupore quello che lessi nei suoi occhi e la consapevolezza che eravamo passati ad un livello ancora superiore del gioco.
Mi chiamo Filippo  M. sono un noto e stimato professionista della mia città e no, non vi permetterò di dire che sono lacrime quelle che rigano le mie gote arrossate, mi metterò davanti allo specchio e lavorerò, lavorerò, lavorerò duramente su me stesso perché non ne resti più nessuna traccia  per quando arriverà la polizia che i vicini hanno chiamato, alla fine ho dovuto cedere, era una vacca, tale e quale a mia madre, il collo non può più riaggiustarglielo nessuno.




E' un mio racconto del 2013, ma adatto alla giornata di oggi, le storie non cambiano, noi non cambiamo la storia

Commenti

  1. Forse peggiori le mamme delle vittime, prima ancora delle mamme "vacche" dei carnefici.
    Io vorrei si puntasse, prima ancora che sulla redenzione di tanti uomini bastardi, sulla capacità di salvaguardarsi di tante, troppe donne, che accettano tutto come fosse la norma.
    So' che la strada è lunga e tortuosa. Ma bisogna partire da là. Ne resto convinto.
    L'uomo violento è un Vigliacco ed un cagasotto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si insegna il rispetto, di sé e del prossimo, questo è il problema

      Elimina
  2. e' vero Amanda, le storie sono sempre uguali e noi non facciamo un ca@@o per cambiare la storia....

    RispondiElimina
  3. Già dalla seconda riga aveva un non so che di già letto
    ma sono andato fino in fonbdo perchè con i tuoi racconti non si sa mai...
    A me ste giornate dedicate a questo e a quello non mi convincono,
    vorrei sapere quanti oggi si sono impegnati a non maltrattare la propria compagna
    se uno mena, mena anche oggi.
    Però (e non voglio giustificare niente) la giornata degli uomini vessati non la facciamo?
    Quelli che per tutta la vita hanno subito il rompimento di palle scientifico
    che ha messo in atto la propria consorte non li vogliamo gratificare con un giorno per loro?
    Non c'è bisogno di scomodare la domenica o un festivo,
    va bene anche un lunedì pomeriggio anche di quelli invernali che sono corti corti.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Me lo ricordavo, ovviamente. Un racconto così non si dimentica. E certo, ancora attualissimo.

    RispondiElimina
  5. Attualissimo, forse lo sarà sempre. Credo che la cultura, l'educazione culturale e la cultura del rispetto devono essere obiettivo della società. Se vogliamo evolvere come specie ... se.

    RispondiElimina
  6. Urca, Amanda, che stilettata! Inaspettata ma ben piazzata, fino al cuore.

    RispondiElimina
  7. Un pugno in pieno stomaco. Il bello dei tuoi racconti è che non ti lasci abbindolare dalle parole; meni giù dritto, fino a raggiungere l'obiettivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo prendo come un complimento? Grazie

      Elimina
  8. la storia ci prova ma non non ascoltiamo, rimango sempre più senza parole

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari