Arridatece la rotella




Succede che una mattina si vada ad aprire il frigo e lo si trovi temperatura serra delle orchidee e si cacci un urlo, un blob bianco giallino cola, in memoria del fu panetto di burro, il lievito di birra si è fidanzato con le muffe dello yogurt, i formaggi si sono tutti francesizzati, il terrore ti attanaglia ed urli alla Munch "il freezer!!!!", lo apri e quello funziona sereno. E tu ti dici: "accidempolina che svampita devo aver lasciato la porta aperta*". Il 3/4 sostiene, a rinforzo della tesi, che troppo internet è l'anticamera dell'Alzheimer e tu te ne fai una ragione. Dopo qualche mese la cosa si ripete, la scoperta la fa il 3/4 che esclama "perbazzo** è così difficile prestare attenzione alla porta del frigo? Dove cavoletti** la tieni la testa?" Io questa volta muovo, dopo essermi girata un intero film in rewind per stabilire che effettivamente ero stata io l'ultima utilizzatrice del frigo, qualche dubbio sul fatto di averla scordata aperta. Al terzo episodio perfino il 3/4 comincia a dare chance alla mia salute mentale e quindi iniziamo a fare prove svitando la lampadina, controllando se la porta chiude bene il contatto con la lampadina, il frigo viene posto sotto stretta sorveglianza che neanche la CIA sa fare di meglio. Effettivamente l'infame perde colpi, ora 21 anni per un frigo son 21 anni, ma per dire quello dei miei ne ha 30 e sembra un giovanotto, andiamo presso un centro assistenza sicuri della sentenza che ahimè è tale e quale a quella di John lo sgozzatore, come sapete i tecnici dei centri assistenza sono stati istruiti in una scuola jihadista in Siria. Quindi inizia la ricerca del nuovo frigo e l'Amleto che è in noi prende il sopravvento: incasso o non incasso? no frost o non no frost? (Qui mi impongo no frost sopra e sotto che di sbrinamenti non ne voglio sapere). Calcoliamo spazi, tempi modi ma le zucchine implorano rapidità di intervento. Andiamo in uno di quei centri, dove a vedere la quantità di gente presente e acquistante a qualsiasi ora pare che la crisi non esista, e scegliamo. Dopo 3 giorni con la roba del freezer in vacanza dai nonni e quella del frigo in vacanza dalla zia, che per cucinare pare di fare la millemiglia, arriva LUI. Due rumeni -con i quali non vorrei attaccar brighe per un posteggio rubato, neanche dipinta - gentilissimi, si fanno i 4 piani di scale con il monolite sulle spalle, stile Obelix, però con la grazia con cui Caroline Kostner esegue un triplo axel e lo posano in cucina, il gatto teme il nuovo totem e per ore si rifugia in soffitta. Ligi agli ordini impartitici (chi avrebbe mai sgarrato ai consigli di quei due? Sai mai che tornino e ti impignattino) accendiamo dopo 12 ore il monolite ammirandolo con sguardo reverenziale e attendiamo di poterlo riempire. Ad un certo punto l'elegante display indica che si è raggiunta la temperatura desiderata, nell'aprire la portella però pare di salire in auto in una mattina di mezza stagione dopo che l'auto è stata in garage (nessuna differenza o davvero minima) il motore tuttavia tace soddisfatto di aver raggiunto il suo obiettivo, allora mi domando quale possa essere di questi tempi l'obiettivo di un frigo, perché strada facendo anche i frigoriferi possono aver perso i loro obiettivi. Spegniamo, reimpostiamo, riaccendiamo e niente dopo due minuti di funzionamento quello si impianta nuovamente perché ha deciso di essere a temperatura. Sconsolati torniamo in negozio, dopo due ore di carteggi otteniamo il cambio con l'ultimo esemplare rimasto in magazzino,  per il giorno dopo, oggi, rimandiamo in vacanza la nostra spesa e ci apprestiamo a sederci a tavola per la cena, quando squilla il telefono. La sconsolata commessa del grande magazzino che aveva passato ore a compilare carte ci avvisa che l'esemplare in magazzino è bozzato quindi per venirci incontro ci forniranno il modello maggiore allo stesso prezzo, diversamente dovremo aspettare un'altra settimana un esemplare uguale al nostro, ci fiondiamo in negozio ad ispezionare, vagliare e firmare altre carte ed ora attendiamo i due rumeni che ormai ci odieranno a morte perché in tre giorni per causa nostra si saranno portati su e giù per 84 scalini 4 frigoriferi. Sperando che il monolite nuovo scenda a compromessi col suo computer di bordo; domanda: ma che aveva di male la rotella del termostato dei vecchi frigoriferi?

* usate il traduttore di google
** usate il traduttore di google dall'italiano aulico all'italiano naturalizzato veneto

Commenti

  1. non li fanno più i frigoriferi di una volta!
    ma con quello nuovo, modello superiore e io me lo immagino grande, imponente, regale, potrai tenere in frigo anche il 3/4 se rompe troppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. regale quanto permettono le dimensioni di una roulotte al 4° piano

      Elimina
  2. a te dovrebbero dare la tripla classe AAA+

    RispondiElimina
  3. Se per incontrare i due biondoni coi rai fulminei azzurri
    devi cambiare frigo ogni due giorni
    è meglio che ti fai dare il telefono e li chiami quando vuoi.
    Fossi il trequartista andrei di persona a ritirare i raffreddante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ebbene confesso l'ho manomesso io a quello scopo

      Elimina
  4. Il mio (rigorosamente "no-nofrost", e senza congelatore) di anni ne ha trentacinque e tiene botta che è una meraviglia.

    Presto vorrei raccontare l'odissea di due mesi che mi ha fatto passare la Cavallona; lo farò a puntate e sicuramente senza il tono così godibile di questa tua "Odissea nello spazio quasi gelido" (con tanto di monolite); da applauso la francesizzazione dei formaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma se mangi solo semini sicuro che il frigo non ha bisogno di congelatore! :)

      Elimina
    2. Infatti, mangiando solo semini, a volte mi chiedo a che cosa mi serve il frigo... :-D

      Elimina
  5. perchè delle lavatrici ne vogliamo parlare? ne avevo una vecchiotta, ma complice e amica insieme abbiamo fatto quintali di bucati, IO decidevo le centrifughe,i tempi, i programmi che potevo interrompere a secondo delle mie necessita e lei docile mi assecondava.... la nuova, comanda lei una volta impostata non si ferma più, se interrompi un programma ricomincia da capo testarda e tutto sommato non fa neanche un buon lavoro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. zitta non parlare che la mia ne ha 21 e la rotella e tremo al pensiero di perderla

      Elimina
  6. ah ah io ricordo ancora il terrore sulle facce dei miei genitori quando il frigo aveva un problema... cmq no lo avrò mai ma vorrei uno di quelli enormi! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima dovrei allargare la casa poi metterci il frigone, per il momento dovrei mettere la casa dentro al frigo

      Elimina
  7. Dicono che la tecnologia ci aiuta, sarà, ma io non credo, i "vecchi elettrodomestici", quelli meccanici e non elettronici, erano al nostro servizio, ha ragione Oriana, e non noi al loro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelle cose belle che quando le impostavi facevano cro cro cro

      Elimina
  8. E' vero! Anche le automobili! Io sono orgogliosamente luddista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che ho da luddistare se il frigo mi arriva già bello che sabotato? :)

      Elimina
  9. Ormai per tecnolgia il frigidaire ha battuto la tv, tanto che potremmo quasi ribaltare la famosa battuta di De Filippo (Buongiorno, Signor De Filippo, qui è la televisione." "Va bene, aspetti che le passo il frigorifero). Auguri!

    RispondiElimina
  10. Il mio Frigo sta tenendo duro e meno male, è la lavatrice che poverina ha mollato il tiro, la prima mi è durata 23 anni, la seconda 8 e non c'è stato verso di farla riparare e questa staremo a vedere ma credo che all'interno ci sia già la data di scadenza come gli yogourt
    Saluti e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già la chiamano obsolescenza programmata

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari