Era Francesca





amandapiccola ha sempre avuto una incredibile capacità di imparare i testi delle canzoni, due ascolti sono sempre stati sufficienti, giusto per i testi più arditi, tre, tanto che ai tempi del ginnasio, quando un'amandasemipiccola incespicava malamente sulla grammatica greca e latina, la Signora Lina diceva sempre che se avesse trovato qualcuno che le avesse messo le regole in musica, il Signor B. avrebbe risparmiato un capitale in ripetizioni. Ma così non fu allora e così non avviene ora con la grammatica tedesca. Ancora adesso amandagrande sa a memoria intere annate dello zecchino d'oro a cavallo tra la fine degli anni 60 e l'inizio dei 70, tutta la colonna sonora di Gian Burrasca, tutti i cantautori degli anni 70 , e più volte è stata utilizzata come jukebox vivente alle feste scolastiche e ai falò in spiaggia, quando questi non erano un rischio per un'adolescente. I testi inglesi si cantavano ad orecchio, un tanto al chilo, andava quindi a  meraviglia intonare The boxer di Simon e Garfunkel con tutti quei la la la che toglievano d'impiccio,  o obladì obladà che anche storpiata scorreva bene, fino a quando la Prof. di inglese di prima media la introdusse ai testi di Lennon e McCartney. E non parliamo dei versi dei canti Gregoriani che, facendo parte del coro, al quale il maestro Zanettel insegnava le canzoni rigorosamente ad orecchio, mica con lo spartito, ché la musica in Italia studiarla seriamente è tabù, andavano sempre per i fatti loro, tanto che solo alle medie scoprì di aver cantato per tre anni "uni trillo quel domminooooooo" senza rispetto alcuno per l'uno e trino. Correva quindi l'anno 1969, alla sorella grande di amandapiccola fu regalata una raccolta di Battisti, e poiché amandapiccola non solo imparava a memoria i testi, ma, a modo suo ci rimuginava pure sopra, cominciò a nutrire un certo rancore contro quel disgraziato che andò da Battisti raccontando l'immonda bugia di aver visto quella santa di Francesca, donna di poche pretese, tutta casa e marito, con un altro uomo, come si può confondere un vestito  rosso con un altro? A distanza di anni amanda continuò a pensare, vabbè, sbagliato non ti sei sbagliato, il naso prima o poi ce lo avrebbe comunque sbattuto, o forse anche no, ma farsi gli affaracci propri pareva brutto?

Commenti

  1. Ho sempre pensato che quel disgraziato fosse anche lui innamorato di Francesca e quindi geloso di Battisti. Si è vendicato, insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non ci avevo pensato🤔

      Elimina
    2. Ma anche quel Battisti, a spifferare tutto in una canzone :(

      Elimina
    3. Allora dovremmo eliminare un bel po' di libri, un bel po' di film, un bel po' di poesie e un bel po' di canzoni 😊

      Elimina
  2. ma Amandadagrande non potrebbe imparare la grammatica tedesca cantando? .... Battisti mi ha sempre messo ansia.... Francesca pure.... quella sciagurata traditrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro che ho ascoltato Heidi in tedesco

      Elimina
    2. A me Battisti metteva ansia quando guidava come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere se poi è tanto difficile morire, prova a trovartelo in direzione contraria su una strada stretta, altro che anZia

      Elimina
  3. Maledico spesso il fatto che ricordo a memoria non solo le sigle dei cartoni della mia infanzia, ma l'intero repertorio di Creamy (che forse non conosci ma insomma nel cartone faceva la cantante), e poi fatico a ricordarmi cosa ho letto il mese scorso. Sui testi un tanto al kilo poi non ne parliamo! La sigla di Heidi a un certo punto dice "Accipicchia questo è un mondo fantastico" e io capivo "Arci picchia" e mi chiedevo chi fosse poi Arci, quando sarebbe comparso nella storia e soprattutto chi c'aveva da menà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arci (Archie) era il segretario di Nero Wolf naturalmente, per quello picchiava! Per Creamy sono irrimediabilmente vecchia, temo

      Elimina
  4. Beh, a legger di questa storia me ne è venuta in mente un'altra, quella di Fiori rosa, fiori di pesco. Sai quanti, al giorno d'oggi, avrebbero commentato: " se l'è andata a cercare"? Povero Battisti, per fortuna poi, di Lucio, ne abbiamo avuto un altro. Entrambi scomparsi troppo presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per non parlare di innocenti evasioni!

      Elimina
  5. A me Battisti è sempre piaciuto e stato antipaticissimo nello stesso tempo.

    RispondiElimina
  6. Io lo ascolto ancora, ho una chiavetta intera di Battisti non m'è mai stato simpatico ma m'è sempre piaciuto; storpiavamo "un amore puro come il dottor". La moglie invece era antipatica, anzi non l'abbiamo mai conosciuta ma i giornali ce l'hanno resa antipatica quasi come Yoko Ono.
    Comunque i testi (li ricordo tutti) li scriveva Mogol che pare non battesse un chiodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre colpa delle donne, comunque la Signora in questione, in effetti, non deve essere molto malleabile

      Elimina
  7. è molto grave se una i testi se li inventa se non se li ricorda? e dopo si convince che erano proprio così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No per niente una mia compagna di classe del liceo, golosa, era sicura che Bennato cantasse "sei come chupa chup , devi suonare " e non si sapeva perché un lecca lecca dovesse suonare

      Elimina
    2. Invece è grave, mia moglie le storpia tutte e io non le dico niente ma penso che è una smemorata

      Elimina
  8. Avevamo storpiato "Oh Mare Nero Mare Nero Mare Neeee" in "Oh Marilleva Marilleva Marileeeee"
    (Marilleva: stazione sciistica ove passavamo le vacanze di natale essendonel comune luogo natale di mia madre)

    Amanda prova così:
    https://www.youtube.com/watch?v=M2byY76uCg0
    Verapiccola il tedesco lo aveva imparato anche con queste canzoncine. Veragrande si è dimenticata quasi tutto. :'(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari