La libellula acciughina



Chris Appelhans



La libellula acciughina ha due gambette lunghe e secche, non cammina, saltella, quasi prende il volo, era da tempo che non vedevo più bambine camminare col saltello (noi lo facevamo sempre), dove sono finite le bimbette saltellanti?
La libellula acciughina ha capelli lunghi e dritti come spaghetti che volano ad ogni balzello, a volte li raccoglie in una codina.
La libellula acciughina da un anno e mezzo abita di fronte a me, terrazzo verso terrazzo e lei al primo raggio di sole esce subito e canta o parla: parla con la sua mamma, fitto fitto, quando al mattino la accompagnia a scuola a piedi e si tengono per mano con passo veloce e si guardano sempre sorridendo; parla con la sua nonna, quando d'estate corrono a prendere il tram per andare lì dove lavora la nonna che la porta con sè e ora ha uno zainetto, ora una piccola borsa, ora una bambola, e spesso sono in ritardo e a volte lo perdono e io, che aspetto quello che va in senso contrario, le vedo sempre chiacchierare; parla con amici immaginari mentre gioca sul terrazzo o nel prato davanti a casa, unica bambina ormai rimasta a giocare sul prato, con la nonna che la tiene d'occhio mentre parla con altre signore; chiacchiera col suo nuovo cagnolino bianco e pelosetto mentre corrono su e giù per il prato.
La libellula acciughina a volte si esercita con un flauto con impegno ma sempre sorridendo.
A me la libellula acciughina regala gioia, spero abbia molti amici, mi pare che sappia fare il suo mestiere di bambina, mestiere in disuso di questi tempi

Commenti

  1. Viviamo una vera e propria emergenza infanzia. Il mestiere di bambino, come lo conoscevamo e praticavamo noi, rischia di essere abolito per decreto, perché non è vantaggioso per "il merkato". Assistiamo a uno scippo dell'infanzia. E spesso i genitori sono i primi complici, se non addirittura i diretti responsabili (come quelli che iscrivono bambini di 3 anni a corsi di ogni tipo, invece di lasciarli GIOCARE, per renderli precocemente kompetitivi.)
    Libellula acciughina, aiutali tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma che bambini sono stati questi genitori?

      Elimina
  2. L'ho appena trovato in una traduzione, un bambino che cammina col saltello, e me lo sono chiesta anch'io se si faccia ancora. Intanto ho deciso che ricomincerò a farlo io :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da domani tutti a spasso col saltello

      Elimina
    2. Aspetta che mi passi l'infiammazione al tallone e poi vedi come ti saltello :)

      Elimina
    3. talloniera in silicone, un toccasana per le talloniti, poi saltelli :)

      Elimina
  3. Io la conosco questa bambina, si chiama Cassandra! Lei è la mia nipotina preferita (in realtà è la nipote di Fra, quindi non dirlo al mio "vero" nipotino!) e io sono la sua zia preferita. Lei è come la racconti tu, non è capace di camminare ma solo di saltellare e correre. E canta canta canta sempre, la sua preferita è aimsinghiringhereng :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora quando la vedo le dirò:"buongiorno Cassandra"
      certo che è un nome parecchio impegnativo da portare a spasso

      Elimina
  4. ma che bello! Zio Scriba ha pienamente ragione...

    RispondiElimina
  5. Come hai ragione zio Scriba! i bambini non giocano piu', nuotano, studiano inglese, ma non giocano!!!

    RispondiElimina
  6. Eppure essere bambini dovrebbe essere la cosa più semplice oltre che il fondamento della vita.

    RispondiElimina
  7. i bambini sono il nostro tesoro ma non ce lo ricordiamo mai!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari