Basta un poco di zucchero





Vi siete mai chiesti se e quando c'è stata una tresca tra Mary Poppins e Bert? O se invece si stavano solo annusando in vista di una liaison futura o se avevano semplicemente giocato a campana in cortile insieme nell'infanzia?
E' un dubbio che attanagliava amandapiccola (magari non in questi termini, ché è noto: le bambine vedono solo risvolti romantici nelle favole) che non si è persa un solo cineforum in cui fosse programmata la tata canterina, non c'erano dvd, nè scaricamenti leciti o illeciti quella volta, se ti perdevi il film al cinema addio per sempre. Perché non c'era principessa che tenesse, Biancaneve, Aurora, Raperonzola sparivano, amandapiccola si è sempre identificata con Mary Poppins; anche con Tamburino di Bambi, ma questa è un'altra storia e poiché non ci sono psicologi tra i miei affezionati lettori che mi sappiano spiegare perché una cinque-seienne si debba identificare con un coniglio, per giunta personaggio marginale di una grande storia, ne parleremo in un altro momento.
Amanda in verità è sempre stata, fin dalla più tenera età, lontana anni luce dal prototipo della principessa, nei suoi giochi era sempre una giornalista e per giunta incasinata. Amandapiccola, come i più coriacei lettori ben sanno, girava interi musical nel corridoi di casa dei nonni, le scarpe di vernice come claquettes, il bastone di nonna Erminia a tenere il tempo e  il pomolo con cordino delle tende come microfono, sognava duetti con Fred Astaire e si dimenava, pur senza grazia e riccioli, come Shirley Temple. Quindi potete ben immaginare che se Walt Disney gira un musical, lo fa cantare a Julie Andrews, le mette ai piedi quei meravigliosi stivaletti, la fa ballare con dei pinguini e le affianca quel tomo di Dick Van Dyke, nella piccola canterina non può che scattare il meccanismo di immedesimazione. Chi non vorrebbe un amico-fidanzato-amante un po' artista (vi ricordo che Bert faceva il "madonnaro- paesaggista" al parco)  che però sia capace di risolvere i fastidiosi problemi domestici come la pulizia della canna fumaria, e che quando vi porta fuori vi faccia ballare leggero come una piuma? Ora musical non ne allestisco più, forse perché non ho un corridoio di quindici metri, da me; canto ancora molto mentre cucino, o sotto la doccia, o mentre visito i bambini più piccoli per calmarli ( generalmente funziona, ammutoliscono e mi guardano con l'espressione che dice " Ma in che mondo mi è toccato nascere?" oppure "Mamma, sicura che possa farmi curare da una pazza di tal fatta?"); ballo con la radio a manetta in cucina ed allestisco coreografie bonsai alla fermata del bus quando porto le cuffiette; porto borse da lavoro da cui è estraibile di tutto: per un periodo avevo perfino una lampada per vedere la gola ai bambini fatta a forma di auto dei pompieri, lunghi metri per misurare l'altezza, corti metri per la circonferenza cranica e figurine premio per quelli che fanno i bravi durante gli esami più impegnativi e soprattutto aspetto che il mio Bert mi inviti a bere un tea sul soffitto, che disegni giostre in cui portarmi a fare un giro a cavallo, che mi faccia volteggiare come una piuma, che mi regali leggerezza e sorrisi, sicura, ora che sono cresciuta, che sarebbe anche un ottimo amante, e se non sarà per questa volta, sono sicura che succederà la prossima volta che scendo con l'ombrello.

Commenti

  1. Cam caminì, cam caminì spazzacamin la mano puoi dar alla felicità;
    è bello vivere sempre così e insieme cantar cam cam caminì,
    cam caminì cam cam lo spazzacamin.

    RispondiElimina
  2. Ecco appunto se sai scendere anche con l'ombrello sei una Mary Poppins perfetta perché per il resto non ti manca nulla. E vien da dire che le favole esistono. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che di questi tempi scendere con l'ombrello è il problema minore

      Elimina
  3. Allora ti consiglio "Saving Mr. Banks".
    Guardalo. Tu conosci i miei gusti in fatto di film, ma questo mi è piaciuto moltissimo e me lo riguardo spesso.

    RispondiElimina
  4. sei una Mary Poppins perfetta. ti ci vedo scendere con l'ombrello e i piedini alle 23!
    quando ci vediamo voglio che mi canti con un poco di zucchero e se devo fingere di essere una bambina ci provo, un po' infantili in fondo lo siamo tutti!

    RispondiElimina
  5. Sorella! Anch'io ho sempre adorato Mary Poppins (e aspetto con trepidazione il sing-along). Comunque secondo me non c'è dubbio: lei e Bert stavano insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ricordate, ma anch'io faccio parte della comitiva vacanze piemonte che aspetta il sing-along di Mary Poppins. Silvia aveva pensato di organizzare una corriera - con partenza dal Veneto, fermata a Montreal e arrivo in serata a SF, con sosta autogrill in Montana.
      Io sono di parere opposto: amore platonico tra Bert e Mary. Mai neanche un bacino.

      Elimina
    2. ma come neanche un bacino slicing diglielo tu Silvia!

      Elimina
    3. Ma Slicing, cos'è questo puritanesimo? Guarda che se lo chiediamo ai frequentatori del Castro Theater daranno ragione a me! ;-)

      Elimina
  6. Lei e Bert avevano un tale sguardo carico di complicità che andava molto oltre un semplice stare insieme. Avevano uno di quei legami che coprono l'amicizia, l'amore, la passione, una sana dominazione cerebrale e forse pure un vago incesto (ma almeno di quarta generazione).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un incesto di quarta generazione.... dici?

      Elimina
  7. ragazzi sono un po' cresciuto ma adoro quel film e Mary Poppins!
    vogliamo parlare della scena del penny... oppure del padrone della banca che inizia a ridere...
    fantastico

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari