No Captcha day di meno illuminato








Nel regno di Captchalandia vivevano un sovrano e 11427 robot e, credetemi, non era un gran vivere. Il  sovrano dai denti aguzzi, si faceva servire e riverire dai robot da mattina a sera e quei poveretti non facevano altro che correre a destra e a manca per soddisfare ogni minimo desiderio del sovrano. Goloso com'era non era mai satollo e pretendeva i piatti più disperati. Al mattino si piazzava davanti al computer e navigava per tutti i siti di cucina, per tutti i foodblog e finalmente, dopo tanto girare su pagine e pagine di web, piazzava la punta della grossa coda sui piatti prescelti del giorno e da quel momento ai robot toccava dannarsi l'ultimo microchip per trovare gli ingredienti, provenienti da ogni angolo dell'orbe terraqueo e preparare montagne di pietanze per il sovrano senza fondo. Il fatto era che il sovrano declamava la lista degli ingredienti da reperire e i robot dovevano memorizzare. Che ci vuole a memorizzare una lista a 11427 robot direte voi? Sono fatti essenzialmente di memoria! Sicuro, rispondo io, ma essendo robot, erano testoni per definizione e invece di organizzarsi in modo tale da memorizzare ognuno un pezzo della lista del menù, pretendevano di memorizzare ognuno tutta la lista e non ci riuscivano mai. La loro sorte a quel punto era segnata, il sovrano dai denti aguzzi afferrava una mazza e disintegrava i malcapitati che tornavano dal cuoco senza anche solo un ingrediente della lista. Così avevano pensato di cercare nel web le ricette in modo di salvare la pelle, ops pardon i microchips, ma avendo un dubbio sull'anice stellato provarono a chiedere lumi al blogger ma trovarono il captcha , il codice da inserire per dimostrare di non essere un robot e fu per loro la fine. Quindi se vuoi salvare i robot di Captchalandia elimina i captcha dal tuo blog. Quelli di blogger sono finti per chi non è anonimo, ma i robot poverini non lo sanno.
Ricorda inoltre che oggi è la giornata in cui si deve spegnere tutto ed illuminarsi di meno per il bene della terra, ché non ne abbiamo un'altra, e per il bene del portafogli, non so il vostro, ma il mio sarà felice se spengo le luci, abbasso il riscaldamento, prendo i mezzi pubblici



tutti i partecipanti al no captcha day



Commenti

  1. :) dentro... mi illumino d'immenso nel leggere questo tuo bel racconto promozionale... ^ _ ^
    mentre per il bene della terra, stasera, basteranno i lampioni a rischiarare casa

    RispondiElimina
  2. Il tuo racconto, con i robot che non possono dimostrare di non esserlo, è metallicamente esilirante.
    Quanto a "M'illumino di meno", come forse ricorderai, ci ho creduto con crescente passione fin dalla prima edizione, quando nove anni fa in quattro gatti ci trovammo in Piazza Maggiore per festeggiare il primo anniversario del protocollo di Kyoto. Ora, oltre al difetto congenito della sponsorizzazione da parte di quell'associazione a delinquere in cerca di verginità che è l'ENI, ci si è aggiunta la regressione di Massimo Cirri, il conduttore di Caterpillar versione serale, ormai a un livello di insopportabile, infantile e vacuo narcisismo.

    RispondiElimina
  3. Anche qui si partecipa a m'illumino di meno! Da anni ormai. A letto presto e buonanotte.

    RispondiElimina
  4. Ahahah, il post mogliore per il no capcha, decisamente incisivo!
    Ieri sera cena con amici cuocendo il minimo indispensabile e a lume di candela :)

    RispondiElimina
  5. Stupendo questo racconto, questa favola contro il captcha... brava, bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alli mi istigasti, mai dare il la ad una cantastorie :D

      Elimina
    2. Ah, ah, ah... e ora hai messo la lista. Gran bel gesto da blogger, oltreché cantastorie :)

      Elimina
  6. Bellissimo racconto, brava Amanda! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari