Cosa farò da grande




Ci volevano:
  • la calma
  • il  viaggiare lento cercando di trovare ritagli della bella Italia che ancora rimangono nell'immondezzaio che ci circonda
  • orizzonti dove lo spazio si perde tra il verde - ma orizzonti strani, mica regolari - e verdi che diventano ocra, che diventano oro, che diventano marrone della terra grassa                                                                                                                                                                 
  • il vento che poco, poco alza la polvere della terra ramata asciugata dal sole di questa estate che non vuol morire
  • nuvole che ornano ma poi scivolano via
  • un pomeriggio di pioggia, ma così tanta pioggia che tocca rimanere chiusi in una chiesa medievale un'ora a guardare baci di Giuda e presentazione di Maria al tempio per non fare la fine di Mosè ma senza l'arca e senza aver radunato a dovere una coppia di ogni specie, che poi la pioggia smette ma solo dopo che è spuntato il sole e si vaga tra colline a cercare pentole d'oro ai piedi dell'arcobaleno
  • un cinghiale che la notte ti grufola alla finestra per farti sentire in colpa mentre digerisci, perso in un mare di Chianti, suo cugino Valerio, cugino di terzo grado, ma pur sempre cugino
  • tramonti dove il rosso si fa arancio e poi rosa e si inzuppa nel violetto delle nuvole
  • notti terse spazzate dal vento e nere e fonde che spalancano la vertigine di milioni di stelle che si capisce quanto sputacchio siamo nell'universo, ma quanto è bello essere lì a godersi lo spettacolo
  • una pietra piatta ai margini dell'uliveto posta giusto, giusto dove si apre lo spettacolo della via lattea
Allora, solo allora, quando puoi iniziare a contarle, anche se San Lorenzo è lontano più di un mese, comprendi, con assoluta certezza, cosa vuoi fare da grande: la cacciatrice di stelle cadenti

Commenti

  1. che la Toscana sia uno dei posti migliori per cercare le stelle cadenti è fuori discussione e che tu sia una cacciatrice di sogni e di stelle è altrettanto fuori discussione..... oggi vado anche io a fare la cacciatrice di stelle cadenti, lo sai. tanti saluti dai caprioli, parenti del tuo cinghiale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no Nino nooooooooooooooooo

      Elimina
    2. ti ho rubato il titolo, era troppo bello essere cacciatrice di stelle cadenti, spero mi perdonerai

      Elimina
  2. Sulla 'cacciatrice di stelle cadenti' potrei scriverci un "qui come altrove", nel tempo! posso?
    :)
    (amo anch'io questi luoghi, con dedizione incondizionata)

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto venire nostalgia dell'Italia, di quell'Italia lì che tu descrivi così bene. Grazie, cacciatrice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna però armarsi di lanternino e cercarla tra tralicci, pale eoliche, cemento armato, discariche, ma quando la si scova non resta che esclamare"cosa abbiamo buttato!"

      Elimina
  4. Cominciavo a essere preoccupato della tua assenza dal blog; vedo che hai speso il tempo bene, che meglio non si può.
    Le stelle cadenti ti ringraziano e ti aspettano.

    RispondiElimina
  5. dove si manda in curriculum per diventarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. via Lattea 88,
      000928 Universo

      Elimina
    2. alla cortese attenzione San Lorenzo direttore risorse umane

      Elimina
  6. Ah, sì, che bello, un viaggetto in Italia... non vedo l'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vieni sta casa aspetta te
      ma finisci di tradurre quel libro prima!

      Elimina
  7. ho pensato alla notte di san lorenzo...
    alle stelle che quest'anno non ho cercato, perché il mio credo stava lontano dalla richiesta ad una stella che cade... voglio qualcosa che cresce, non che si schianta nell'universo...
    descrizioni bellissime ed evocative le tue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mai dubitare del potere dei propri desideri, e poi non si schiantano, attraversano l'universo in un manto di luce, e c'è chi le raccoglie con perizia, chiedi a Silvia lei ne ha sposato uno

      Elimina
  8. Cosa si può commentare se chi ha scritto il post ha già detto tutto quello che si poteva dire? Mi viene in mente solo che visto che viviamo tutti sotto lo stesso cielo ma non vediamo le stesse meraviglie o siamo figli di un dio minore o l'erba del vicino è sempre più verde:)
    Da parte mia posso dire che dopo una settimana di pioggia e grigiore sotto il cielo di Lombardia soffro di invidia debordante ( è una malattia riconosciuta?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo, ma per farti stare meglio ti dirò che negli ultimi due giorni in Toscana c'era un calorazzo appiccicaticcio che ci ha fatto scordare le notti fresche e stellate dell'arrivo e che vivendo tutto l'anno in palude 5 giorni di bello me li sono guadagnati :)

      Elimina
  9. Mi son sempre chiesto cosa farò da grande
    poi come per incanto è arrivata la pensione che ancora non ero cresciuto.

    Se vai a Hollywood di stelle cadenti ne trovo a manciate.

    RispondiElimina
  10. E no sono di parte ho trovato un Toscana mia a sud di Mirabella, complimenti zompo ......dal blog di Alice e grinta ......ma sei tu la Pippi di ny ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Michela Rosa, no non sono la Pippi di Ny io sono amandadipadova, io Ny l'ho vista solo nei film di Woody Allen, circa due milioni di volte per un anno dalle 3 del pomeriggio, ora italiana, dell'11 settembre 2001 in TV, e in qualche film strappalacrime di natale

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari