Materiale ricombinante

Soosh





Il frutto del semino prodigioso aveva la tendenza a volte a fischiare respirando; a volte sembrava avesse imparato dalle rane, a volte dalle cornacchie, a volte sembrava avesse studiato violino. Questi concerti respiratori avevano tenuto in allerta la giardiniera e il di lei erudito consorte per molte lune. Avevano portato il fruttino di qua e di là delle Alpi, di qua e di là degli oceani da liutai, accordatori, ornitologi e batracenologi (🤔 come si diranno gli esperti di rane?) e ognuno di loro aveva fornito le più bizzare spiegazioni sul fenomeno, fino a quando uno, più fantasioso di altri, che da bambino giocava con " l'allegro genetista", aveva trovato una spiegazione a dir poco raggelante. La giardiniera sguinzagliò l'erudito consorte a setacciare in rete tutte le nozioni possibili , questo si prese online la laurea ad honorem in medicina, la specializzazione in genetica clinica, quella in anatomia comparata batraci-cornacchie-semini-violini.
Nel frattempo lei , cui venne, per empatia col frutto del semino, l'asma, tanto per non lasciarlo solo a tossire e sviolinare, spolverò le doti stregonesche  che le erano giunte in eredità dalla sua bisnonna paterna, si fece portare bava di dinosauro dagli amici di Maria che addestrava all'anarchia, la impastò con polvere di pandistelle che le inviò sua madre, ci fece cantare sopra da una balena innamorata che cresceva segretamente nell'acquario di casa insieme a tre pesci rossi, ci fece cacare sopra dal piccolo topo che di notte si aggirava per la sua cucina nella banliè parigina ed infine ci fece soffiare sopra un sol dal frutto del semino prodigioso. Poi in una notte di luna piena lei e l'erudito consorte cucinarono tutto con tanta passione e, finché il frutto del semino dormiva, glielo fecero bere. Il frutto del semino tossì, sussultò, fischiò, frinì, barrì ed alla fine irradiò una luce azzurrina sinistra che dopo 37 minuti esatti si spense. I due tornarono a letto stanchi ma soddisfatti. Il giorno dopo il frutto del semino prodigioso fu portato da un vero genetista, il quale, dopo aver tentato di creare un albero genealogico del frutto del semino che richiese 182 fogli protocollo (e ancora, vi confesso, non è ultimato) ed aver analizzato cartelle cliniche in 68 idiomi, tre dei quali estinti, fece un prelievo al semino e si ritirò a deliberare. Dopo 32 giorni, 5 ore e 22 secondi, costati alla giardiniera e al di lei erudito consorte le prime rughe, giunse la sentenza. Il genetista disse: il frutto è intero, tuttavia un piccolo tratto della doppia elica a livello del braccio corto del cromosoma 12 in posizione.... e qui vi risparmio lettere, numeri e sigle che tanto non ci cambiano una cippa al racconto di oggi, si nota una strana, anomala luminescenza. I due coniugi si guardarono di sottecchi. Abbiamo più volte rianalizzato ma non sappiamo spiegarci. I coniugi, muti più di due mummie del museo egizio della città natale fingevano stupore perplesso. A quel punto il frutto del semino prodigioso, che fino a quel momento sembrava assente e assolutamente intento a disegnare un colloquio amoroso tra una megattera ed uno stegosauro, senza levar lo sguardo, ma con accento sabaudo tempestato di arrotatisme erre francesi disse : " quello è il filtro d'amore che mi hanno fatto bere mamma e papà", i presenti giurano che lo disse con un sorriso compiaciuto e che mentre lo diceva le punte delle orecchie si fecero per un attimo fluorescenti.



Buon compleanno Alice

Commenti

  1. Che bel racconto ! E un filtro d'amore augurale per Alice!

    RispondiElimina
  2. auguri Alice.
    Ho sbirciato dalle parti di Alice e dello Gnomo, che storia ♥️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fine hai fatto Nina?

      Elimina
    2. sono qui. ero questa una volta e vorrei tornare ad esserlo. tu invece sei sempre più accogliente.

      Elimina
    3. Passo per lasciarti una carezza. Appartiene alla tua dolcezza sempre e al tuo “Luminoso”.La lascio qui se non disturba

      Elimina
    4. Le carezze non disturbano mai, le tue poi che sparisci e poi ritorni portando luce come un faro le puoi lasciare dove vuoi, sono sempre benvenute

      Elimina
    5. quanto sto bene qui dentro.... grazie

      Elimina
    6. Torna più spesso allora 😉

      Elimina
  3. Buon compleanno Alice!
    p.s.
    altro geniale modo di fare auguri

    RispondiElimina
  4. Auguri anche da me Alice e... attenta alla batracomiomachia che dentro casa fa disastri.

    RispondiElimina
  5. Amanda. Dovrei saperlo ormai e prepararmi una scatola di fazzoletti, un pezzetto di scottex, o almeno un bordo della maglietta da smoccolare...
    Grazie.
    Leggermi da te é come guardarsi allo specchio la mattina... e scoprirsi bellissime.

    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  6. ma che bella cosa...
    z
    (come sono in ritardo... quante cose da leggere, ancora)
    z

    RispondiElimina
  7. Che bella, questa cosa! credo che combinare "arti" diverse sia sempre un bel modo per trovare ispirazione e ampliare i propri confini di autori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sono solo una cantastorie Paolo, non ho l'autorevolezza dell'autore, le volte che ho provato a fare leggere i miei racconti a qualche rivista non ha funzionato, così continuo a divertirmi con le parole e questo mi dà un grande piacere

      Elimina
  8. "Batracenologi"; giochi con le parole intessendo merletti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno sport divertente

      Elimina
    2. Amanda, a proposito di rospi, conosci il blog l'orologiaio miope? è di una biologa molto ironica che scrive soprattutto di animali strani, ha avuto un periodo in cui censiva rospi :D. Adesso pubblica sul portale di national geographic, mentre prima aveva un blog autonomo. (scusa erano tritoni non rospi)

      Elimina
    3. No, ma andrò a curiosare

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari