Io mi rifiuto




Lettore CD (pare già di parlare di un arnese anteguerra) del 1997, usato poche volte, apparteneva a una persona che se ne è andata troppo presto. Il lettore non funziona, il 3/4 scopre che il problema è la cinghia, (rimanendo fermo e inutilizzato probabilmente la cinghia si è seccata e al primo tentativo di riutilizzarlo è saltato) un elastico niente di più. Dopo una serie di telefonate viene indirizzato al centro assistenza della famosa ditta giapponese costruttrice. Porta l'apparecchio al centro assistenza, questi dicono che non forniscono nessun pezzo di ricambio di strumenti che abbiano più di 6 anni di vita, questo significa che, qualora anche il pezzo esistesse sulla faccia del pianeta, loro te lo fanno buttare.
Poiché il 3/4 è più capatosta dei giapponesi, il 3/4 scova un centro riparazioni dove al prezzo di 2 euri (già che un elastico costi 2 euri è opinabile) porta a casa l'elastico similoriginale e ridona vita al lettore CD che funziona a meraviglia e ci fa sentire meno assassini del pianeta e grati di aver riportato con noi un pezzo di una persona cara.
Inutile dire che la famosa ditta giapponese non vedrà MAI più uno dei miei euro, neanche una sua frazione e che le farò la peggiore pubblicità possibile

Commenti

  1. Sono molto d'accordo con te. Il mio stereo ha quasi 30 anni (giuro! Adesso che ci penso, oltre al telefonino del 2001 e la macchina quasi d'epoca - è del '95 - ho anche questo), e già un po' di anni fa un paio di cretini si sono sbellicati dalle risa perché ho ancora il mangianastri. E' un Kenwood, lo uso tantissimo e funziona da dio. Voglio proprio vedere cosa troverei oggi con una spesa equivalente, e quanto durerebbe.

    RispondiElimina
  2. amplificatore anno 79 e piastra anno 82 JVC suonano una meraviglia

    RispondiElimina
  3. Prendo nota della marca. Mi pare di non avere nulla. Continuerò così. :)
    E visto che è giusto parlare pure in positivo, ho anch'io un amplificatore e due casse JVC acquistati negli anni OTTANTA da mio fratello che vanno ancora benissimo. Non sono aggiornato sulle situazioni delle ditte, ma questi facevano roba talmente buona che magari non ci sono neanche più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora mica c'erano tutte quelle menate prestampate che se si fottono ti fottono

      Elimina
  4. è l'obsolescenza programmata, bellezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no l'obsolescenza programmata è un'altra cosa: l'obsolescenza programmata è quando un elettrodomestico muore apparentemete spontaneamente 6 mesi circa dopo il termine della garanzia, ma nel 97 ancora non si era a quel livello.
      L'obsolescenza programmata è toccata in sorte alla mia vecchia lavastoviglie, con quella neppure la ricerca su internet di un pezzo di ricambio riciclato da un'altra lavastoviglie identica ha funzionato, dopo un anno di ricerche abbiamo dovuto darci per vinti

      Elimina
    2. ha ragione.
      ( anche io ho un lettore cd, proprio proprio come il suo. il lettore non funziona da tempo e la colonna "rack" è un totem casalingo...)

      Elimina
  5. rottamare..... è molto di moda..!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io rottamerei il loro obsolescente cervello, non era di moda la green economy?

      Elimina
  6. Temo che la ditta in questione non sia peggiore di qualsiasi altra, in comportamenti del genere; comunque complimenti per la bella vittoria!
    (Se può interessare, io viaggio ancora, e con grande soddisfazione, con un telefonino che fa le telefonate e basta, ha la suoneria non polifonica, e ha un piccolo video in bianco e nero.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ahimè quelli li consumo per lavoro e diciamolo pure per diletto più di 2-3 anni non durano, ma ho ancora la tastiera e non sono smart :)

      Elimina
  7. Sono pienamente d'accordo con te!!! Anche io ho alcuni oggetti preistorici che funzionano a meraviglia, ad esempio un amplificatore del 1980, oppure un microfono, udite udite, del 1972 che è tuttora insuperabile a meno che non si vogliano spendere 4000 euro per il modello nuovo che fa praticamente le stesse cose di quello precedente! Anche a me è capitato di dover abbandonare un vecchio e glorioso oggetto, un campionatore musicale del 1988, perché non si trova più un ridicolissimo componente, che non è un elastico ma poco ci manca. Sgrunt!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti 'ste "menatine" attuali se la sognano la "fedeltà" degli strumenti di allora

      Elimina
  8. Mi pare siamo tutti dello stesso club, io ho riparato la lavatrice, che ormai ha 16 anni, su suggerimento del tecnico, perchè le lavatrici prodotte adesso hanno una vita media brevissima, non dureranno mai piu' di 5-6 anni... se tutti buttiamo e ricomperiamo forse facciamo del bene alle aziende produttrici e ai loro dipendenti, ma non è sempre detto, ma di sicuro facciamo molto male al pianeta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quanta gente potrebbe lavorare nel campo delle riparazioni e invece si sono perse abilità e posti di lavoro a causa dell'usa e getta?

      Elimina
  9. io dovrei avere ancora un mangiadischi arancione come si diceva una volta... lo usano ancora i miei nipoti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli per i 45 giri? e dove li trovano i tuoi nipoti i 45 giri?

      Elimina
  10. È davvero triste, per lo spreco di materiali, e per la sempre maggiore perdita di competenze, quelle degli "aggiustatori", che praticamente non servono più. Della stessa marca il mio Fra mi ha regalato l'e reader un paio di anni fa, l'ho usato in viaggio e in vacanza, per evitare di mettere quei 4 o 5 libri nello zaino, poi in vacanza non ci sono andata per qualche mese (mese, non anno!) e quando ho provato a riaccenderlo non reagiva, l'ho messo in carica e niente. Leggendo qualche forum ho scoperto che "sì, lo fa", se non lo usi per tanto tempo muore. Ma cos'ho comprato un tamagochi?! Ovviamente la loro soluzione era ricomprarlo. La mia è stata tornare alla buona vecchia profumata carta.

    RispondiElimina
  11. Partecipo con aspirapolvere del 98 perfettamente funzionante. ..e nonna del '23 ( vale? ) anche lei in ottima forma :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i nonni valgono sempre, anche le mamme ed i papà!

      Elimina
  12. Funziona sempre così. Io ricordo un amico che invece aveva la mania dei case fatti in maniera un po' strana, ad esempio con un simil acquario al loro interno. Gli mancava un tubicino e la ditta diceva che quella versione era terminata, ma che poteva comprare il pezzo nuovo per 82 euro o giù di lì (e poi avrebbe dovuto cambiare anche tutto il resto). Insomma, alla fine aveva trovato un idraulico che gli aveva venduto lo stesso pezzo, senza marca, a circa 50 centesimi. Alla faccia del rincaro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco infatti uno dicesse noi non lo ripariamo ma veda in giro, invece loro dicono "non è riparabile"

      Elimina
  13. Obsolescenza imposta
    per solidarietà starò attento anch'io a non dare più soldi a Sony.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccone un altro non è obsolescenza imposta, quella è un'altra cosa, leggi su :)

      Elimina
    2. Ho scritto obsolescenza imposta e non programmata.
      Quella programmata fu una trovata fatta dai costruttori di lampadine americani crdo negli anni venti o trenta, le lampadine dovevano durare 1000 ore e ancora le fanno che durano quel tempo.
      ciao, alla prossima

      Elimina
  14. io guido ancora la mia prima macchina, una Opel Corsa del 2000.
    telefonino Samsung con tastiera - non smart - di 4-5 anni fa, finché regge non lo cambio.
    il laptop su cui sto scrivendo è del 2008, ma ho ancora quello vecchio che sta per compiere 10 anni. con Microsoft era morto, Ubuntu l'ha resuscitato.
    lettore cd portatile di mia moglie, roba di metà anni '90. l'altro avrà suppergiù 10-15 anni e non dà segni di volersi rompere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto ieri si facevano i conti l'auto attuale compie quest'anno 12 anni (226.000 km) la precedente aveva 15 anni suonati e ne aveva fatti oltre 230.000

      Elimina
  15. Purtroppo le società consumistiche sono così....buttare e non aggiustare, comprare, sprecare, inquinare!
    Fortunatamente con le nostre scelte individuali possiamo fare la differenza...se soltanto remassimo tutti nella stessa direzione!
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che spesso non solo non remiamo nella stessa direzione, ma per alcuni pare impossibile che ci sia da remare. Benvenuti e buana fine settimana a voi

      Elimina
  16. Certo però che è assurdo e anche poco conveniente per la ditta produttrice, secondo me.
    Io uso ancora un vecchissimo videoregistratore anni 80 quando devo vedere film che ho solo in videocassetta (lo so, sono anziana!).
    Invece ho dovuto buttare già 3 lettori dvd che pare non fossero più riparabil.
    Però ogni volta ho cambiato ditta, perché se la resa e l'assistenza guasti sono così scadenti...
    Quindi non so quanto ci abbiamo guadagnato queste ditte. Un po' come la tua ditta giapponese, che per non perdere un elastico ha perso un cliente.

    RispondiElimina
  17. assurdo che non si debba avere possibilità "se non facendo equilibrismi... " di poter custodire gli oggetti del passato... che ci sono cari e che con un tocco di buona volontà potrebbero tornare a splendere come nuovi regalandoci ancora tantissime emozioni

    come non concordare con questo bel post, io ho un animo vintage... un'anima cenciaiola :)
    amo immensamente tutto ciò che ha una storia da raccontare... oggi come oggi, dopo appena qualche mese, tutto è già obsoleto, da buttare [rinnovare... sostituire] non si fa in tempo ad abituarsi ad una novità, che gia il nuovo avanza... irrefrenabile, incurante del fatto che le cose, gli oggetti, hanno anch'essi un'anima [un valore intrinseco] che va ben oltre quello della loro fruibilità in termini di progresso tecnologico "se così si può chiamare... " mentre il tutto... risponde, soggiace... solo alle dure leggi di mercato, al consumismo più sfrenato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anima cenciaiola me la segno e te la rubo :D

      Elimina
  18. Scusate, ho una notizia fresca fresca di ieri. Mi ha fatto sorridere e ve la posto :-)
    http://www.helpconsumatori.it/acquisti/informazioni-ambigue-su-garanzia-antitrust-multa-sony-per-500-mila-euro/77449

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che saranno mai 500mila euro per la Sony

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari