Non ti piaceva la poesia giapponese





Nessuno potrà
vedermi né chiedermi
qualcosa – In sogno
verrò da te stanotte,
non chiudere la porta del sogno.

Kakinomoto No Hitomaro (?-729)
da qui







Non ti piaceva la poesia giapponese
l’utopia di esprimere
il tuo lasciarmi
senza mai dire “lasciarsi”
con tutto il pudore che hanno le parole
di spiegarsi più
della forma nel suono
come le pietre quando le sfreghi
ne nascono scintille.

Non ti piaceva la poesia giapponese
né altro di me che non so dire
l’estate macchiata di neve
la tua memoria persa in mare.

Non ti piaceva la forza di tanta verità
concentrata in un fiore
la notte ci sovrasta
e preme sul fianco morbido il palato
l’addio bellissimo e studiato
che mai ti ho scritto
e mai ti ha interessato.

Antonio Lillo

Commenti

  1. Risposte
    1. grazie giardi !

      e grazie sempre anche a te, amanda :)

      Elimina
  2. Bellissima e triste. Ho due amici cari che forse si stanno lasciando, penso molto agli addii in questi giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che tristezza, magari poi ci ripensano

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari