Nella bellezza altrui



gente nella piazza di Librizzi







Solo nella bellezza altrui
vi è consolazione, nella musica
altrui e in versi stranieri.
Solo negli altri vi è salvezza,
anche se la solitudine avesse sapore
d’oppio. Non sono un inferno gli altri,
a guardarli il mattino, quando
la fronte è pulita, lavata dai sogni.
Per questo a lungo penso quale
parola usare: se lui o tu.
Ogni lui tradisce un tu, ma
in cambio nella poesia di un altro
è in fedele attesa un dialogo pacato.



 Adam Zagajewski

sottratta per gusto della condivisione dal blog di Alessandro Canzian

Commenti

  1. Ho postato questi bellissimi versi buoni per il mio connaturato ottimismo e subito dopo ho saputo della bimba indiana di 12 anni, stuprata, ristuprata perché aveva osato denunciare il branco, che aveva cambiato di casa per sfuggire a quella feccia immonda perché lo statO non garantiva la sua sicurezza, braccata, arsa viva perché ritrovata, morta dopo tribolazioni atroci e che per giunta era incinta di uno dei suoi aguzzini e non ho trovato più ragione alla bellezza della "gente"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per commentare e poi ho letto il tuo commento e sono rimasta senza parole.

      Elimina
  2. no Amanda, un branco di animali non può toglierci la fiducia nella gente dalla fronte pulita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti no, ma non li chiamerei animali, è un insulto per gli animali paragonarli a un branco di feroci e spietati assassini che si nascondono dietro il branco perché sono sterco nauseabondo

      Elimina
    2. infatti, mentre scrivevo animali ho pensato che il paragone era sbagliato...

      Elimina
  3. Generalizzare è sbagliato, non si puo' perdere la fiducia, è necessario sperare che gli uomini cambino, se così non fosse sarebbe impossibile continuare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bisogna farli cambiare, educazione al rispetto

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari