Cheesecake di fragole e ciliegie





Metti che tua sorella parta e ti lasci in eredità il contenuto deperibile del suo frigo.
Metti che ci siano delle fragole dannunziane ad un passo da una fine indegna ma ancora commestibili  e dei siluretti violacei che lei definisce melanzane perline e che tu nella tua beata ignoranza non avevi mai contemplato.
Che fare?
Prima cosa smaltire le dannunziane perché si sa domani le devi buttare in blocco, mentre oggi, sfrondando puoi godere della loro sfiorente grazia.
Quindi mi sono detta: cheesecake o cischecco come direbbe il Muccardo.
Ma qui viene il bello: vedo la ricetta del Muccardo, poi quella della Somma Sandra, una a caldo, una a freddo, poi gironzolo in siti che la sacerdotessa mi snocciola come i grani di un rosario della gola e mi perdo letteralmente.
Così, da cialtrona, al mio solito, parto per la tangente e ci metto del mio: ed ecco l'ingrassante, al solo sguardo, risultato

Ingredienti

Per la base

200 gr di biscotti tipo Digestive
50 gr di cioccolato fondente al 70% in scaglie
100 gr di burro fuso

Per  il cuore formaggioso

200gr di ricotta
200gr di robiola
1 cucchiaio di maizena
1 cucchiaio marmellata di ciliegie
100 gr di zucchero
3 uova
qualche foglia di menta fresca (facoltativa)


Per il top

200 gr di fragole in tocchettoni
1 cucchiaio di marmellata di ciliegie
3 fogli di colle di pesce 6 gr circa
1 cucchiaio di zucchero
1 spruzzata di cognac

Prepariamo la base
Sbatacchiate con rabbia i biscotti sul capino con un batticarne, ma badate che non diventino una polvere omogenea (come dice Sua Santità Sandra I, la consistenza ha da sentirsi, altrimenti che abbiamo i denti a fare?) aggiungete le scaglie di cioccolato fondente e disponete in uno stampo per torte (di quelli a cerniera, che avrete foderato con della carta da forno) in modo da ottenere uno strato omogeneo, versate il burro fuso, pressate uniformemente e ponete nella parte più fredda del frigo per 1 ora

Prepariamo il cuore formaggioso
Pigliate tutti gli ingredienti e mixate vorticosamente fino ad ottenere una bella crema senza grumi,
prelevate la base dal frigo e disponetevi sopra la crema ottenuta e quindi mettetela in forno preriscaldato a 180° per circa 50 minuti,  deve rimanere appena rosato. Spegnete il forno aprite lo sportello e lasciate raffreddare completamente (circa un'ora). A questo punto rischiaffate tutto in frigo

cuore formaggioso: voi evitate le bruciacchiature marginali

Per il top
Ammollate in acqua fredda la colla di pesce, prendete acqua e colla, mettetele in una padella con la marmellata, lo zucchero ed i pezzettoni di fragola, il cognac fate in modo che si sciolga lo zucchero, spegnete e attendete che inizi appena la gelificazione, trasferite sul capino del vostro cischecco e mettete in frigo per diverse ore (io una notte)
Ed ora datevi all'ingrasso senza reticenze, astenersi i reticenti, vadano a purificarsi in altro loco.


Servite con un Prosecco ghiacciato, io un vino dolce non ce lo vedo bene con le fragole e la menta, ma si accettano suggerimenti

Commenti

  1. Ah, una bella fettona mi ci vorrebbe, ché stanotte m'è tornata l'insonnia e mi sento deboluccia assai. Non è che me la mandi tipo spedizione Sacher da Vienna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che le fragole non reggono bene il trasporto, ma se vieni qui dose doppia :)

      Elimina
    2. ma Amanda è brava anche a fare la Sacher.....

      Elimina
    3. Aaah, la Sacher!! La mia torta universalmente preferita!!

      Elimina
    4. in realtà non posso fare la Sacher originale perché sono allergica alle albicocche, cambio la marmellata con le ciliegie, lo so è un sacrilegio, un incesto tra la sacher e la foresta nera, ma tant'è morir per una torta non è, al momento, ancora nelle mie corde

      Elimina
  2. la sacerdotessa con il rosario in mano di siti da consultare è un'immagine stupenda! mi ci sono proprio vista!!! il cheesecake...... cotto, una passione....
    Sandra
    p.s. ti ho pinnato, e bene che tu lo sappia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già mi sono persa rumble rumble

      Elimina
  3. Anch'io la vedo bene la sacerdotessa-guru.....Amanda ha la capacità di descrivere una persona con poche azzeccatissimi parole :)

    RispondiElimina
  4. Ricetta laboriosa ma irresistibile. Proverò per i liffoni di casa mia!
    Mi piace questo tuo modo un po' "dissacrante" di scrivere le ricette :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lunga lunga ma niente affatto complicata, finora lo zuccotto è stata la prova più ardua e mai più ripetuta :)

      Elimina
  5. Mamma mia, Amanda, che voglia di merenda mi hai fatto veni'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questa se ne mangi una fetta fa da merenda ed anche da cena :)

      Elimina
  6. Oddiooo! sto diventando un collezionista culinario (il doppio senso è voluto per dare enfasi al sostantivo collezionista) di consigli espressi nelle ricette dalla sua prossima vittima. Ho iniziato con " scarpe da tennis" per cuocere le erbe e, adesso, "sbatacchiare con rabbia i biscotti"...dove arriverò?

    RispondiElimina
  7. Ciaooo, complimentiii bellissimo blog e favolose ricette! Mi sono aggiunta con piacere tra i tuoi sostenitori, se ti và passa da me! A prestooo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie e benvenuta Maria Bruna :)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari