Ravioloni integrali ripieni di salsa verde su letto di verza e patate




Una arriva a casa e vede una piccola e triste patata lessa che la osserva abbandonata sul bancone della cucina e pensa che ci faccio io con te, saresti buona per fare la salsa verde, ma senza il bollito che me ne faccio della salsa verde?
Così, quella che è rientrata a casa prima del solito perché è giornata prefestiva, apre il frigo in cerca di altre potenziali vittime. Una innocente robiolina volge lo sguardo altrove come uno studente quando la Prof. è in giornata di interrogazioni e finalmente scatta la lampadina.

Dosi per due persone

Per la sfoglia

100 gr di farina 00
50 gr di semola di grano duro
50 gr di farina integrale
1 uovo
1 cucchiaio di olio EVO
acqua calda q.b
1 pizzico di sale
 

Per il ripieno

100 gr di robiola
1 piccola patata lessa
5 olive verdi disossate
1 cetriolino sottoaceto
3 filetti di acciuga
1 spicchio di aglio
olio EVO q.b
prezzemolo appena tritato: una bella manciata

Per il condimento

verza, a piacimento, io ho usato meno di mezza verza piccola
1 patata
1 cucchiao del ripieno dei ravioli
poco, poco burro
grana


Impastate le farine con l'uovo e l'olio d'oliva, e il pizzico di sale, aggiungete l'acqua poco per volta fino a quando non avrete ottenuto un impasto omogeneo, mettete a riposare in frigo nella pellicola per almeno mezz'ora. Nel frattempo nel mixer mettete la patata lessa, i sottoaceti, lo spicchio d'aglio spremuto, il prezzemolo, la robiola e l'acciuga spezzettata, frullate aggiungendo l'olio fino ad ottenere una crema densa. Finché tirate la pasta fate bollire l'acqua, salatela e mettete anticipatamente a lessare la verza e la patata cruda tagliata a minuscoli cubetti in modo che quando i ravioli saranno pronti per la cottura la verza e la patata siano quasi lesse. Riempite con generosità i ravioli e chiudeteli aiutandovi con uno di quei benedetti strizzaravioli . Lessate i ravioli nella stessa acqua di verze e patate, a fine cottura (che dipenderà da quanto sottile avrete tirato la sfoglia) scolate tutto insieme, spadellate con poco burro, un cucchiaio di ripeno dei ravioli e una generosa grattugiata di grana.
Servite con un Sangiovese Superiore





Se salta fuori ancora qualche trombone mai visto né sentito prima a giudicare le foto, sappia che non me ne frega una cippa, quando è pronto in tavola io ho voglia di mangiare con la mia famiglia, quindi si pigli la foto e ringrazi che c'è, vuole provare la ricetta, la prova, non vuole provarla, affaracci suoi, ma non rompa, io le foto non le mangio e nemmeno i miei

 






Commenti

  1. A me piace molto la verza e quindi mi sa che li proveremo, noi che siamo abituati al ripieno di borragine.

    Clap clap e poi ancora clap per le osservazioni sulle foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per la miseria io non la uso mai la borragine, bisognerà porvi rimedio

      Elimina
    2. fatti di recente con ripieno di cavolo nero ripassato in padella e abbondanza di parmigiano reggiano. Punto. Svenevoli!!!
      Pensavo proprio in questi giorni di provare con la borragine.....
      Mr Alberto come li fai tu ?

      Elimina
    3. ma tanta abbondanza per non risultare troppo acquosi ;)

      Elimina
  2. Nessun commento?
    Dare ricette dopo il periodo natalizio
    non rende.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che non ci avevo nemmeno pensato, non è che cambi radicalmente regime alimentare durante le feste, quindi mi dimentico delle abbuffate generali :D

      Elimina
  3. Ma che idea geniale fare la salsa verde per ripieno! Grande, Amanda. Te la copierò di sicuro.

    (E sai che mi trovi dalla tua parte per la questione foto-cibo: io poi adoro quelle foto li', quelle con la tovaglia di tutti i giorni e magari pure qualche macchia: molto piu appetitose di quelle costruite...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio dire: Sandra ha un blog fantastico e dichiaratamente dedicato al cibo ed alle pietanze,ovvio che curi i dettagli, qui da me c'è ratatouille di vita ma che mi stai a rugare per la foto, sconosciuto, torna al pollaio di fb se vuoi l'azzuffatina

      Elimina
  4. Buoni buoni! Io sono qui in mezzo agli americani che mangiano davvero malissimo, dopo tre giorni di cucina "casalinga" degli amici ho le afte sulla lingua per carenza di vitamine :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello è lo stress della doganiera!

      Elimina
  5. Oh, brava, che a me la salsa verde mi piaceva quasi più del bollito! Ecco cosa ci faccio ora, i ravioli all'Amanda!
    p.s. A me la tua foto, profescional o meno, mette una gran voglia di ripulire il piatto!

    RispondiElimina
  6. Mi pare un bel modo di cucinare (e anche di spiegare come farlo). Mi segno la ricetta, ravioli e verza sempre graditi.

    RispondiElimina
  7. Eccomi, presente. I ravioli io gli ho visti in anteprima, ho seguito le evoluzioni e le tue proporre in cucina. È risaputo che quando ho bisogno di un lampo per una ricetta io chiedo a te, mia musa, ma, come ti ho già detto qua siamo alla allieva che supera il maestro. E comunque hai ragione: non si mangiano le foto!
    Grandissimo passo Amanda!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari