treni permettendo








Io non lo so se è dovuta alla connessione particolare di una sequenza di citosine e guanine durante uno starnuto di Dio, o se, come Obelix con la pozione magica, qualcuno da piccolo cade in una pentola di neurotrasmettitori che fanno l'effetto di una pippata di coca ed altri in una pozione che invece fa quello di una giornata in Giamaica a farsi cannoni, o se semplicemente al fatto che se da piccolo in casa uno sta in mezzo ad ansiosi, alla fine, per imprinting, diventa ansioso anche lui; fatto sta che se hai per padre un uomo che sua moglie definisce amorevolmente "Pisciainprescia" perché se va ad un appuntamento parte con un'ora di anticipo su quella necessaria ad arrivare in perfetto orario, hai una elevata probabilità di fare quella brutta fine anche tu. Così oggi pensatemi intensamente perché mi sono fatta tornare l'insana voglia di lavorare in un ospedale distante tre treni di trenitalia da casa, quindi, mentre voi leggerete queste righe, io sarò su un treno, o starò correndo dietro ad un treno, o avrò perso un treno, o starò imprecando contro un treno, o sarò, non so bene quando e se, arrivata a destinazione già terribilmente stressata e mi aspetterà una dura giornata di lavoro e farò ritorno a casa solo tra tre giorni, e sono già oggi in terribile ansia, perché sono otto anni ormai che non lavoro più in un ospedale e ormai pensavo che non sarebbe più successo, ma questo treno, dopo deci anni, è ripassato, quindi me ne torno tra le montagne a fare il mio lavoro, mi prendo cura di orecchie e di chi ne ha bisogno per sentire. Fate i bravi, o anche no, torno presto, treni permettendo

Commenti

  1. Vorrai scherzare!
    vedi di trovare il tempo mentre viaggi di scrivere encora
    sennò noi che stiamo a fare qui?
    e poi questa nuova vita ti metterà davanti a un sacco di storie
    e te non ce le vuoi raccontare?
    Scherzi vero?
    Ciao e buon lavoro.

    RispondiElimina
  2. Oh madre santissima che gli dei siano con te. Tutti.
    Ti auguro il meglio e tifo per te <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dieci anni fa, il primo giorno, persi tutte le coincidenze a cascata, con un ritardo di due ore, tanto che la collega che andavo a sotituire entrò in maternità quel giorno prima di potermi dare le consegne, quest'anno (fortuna della riprincipiante) tutto è filato liscio

      Elimina
  3. a quest'ora sarai già giunta a destinazione e qualcuno potrà ringraziare Trenitalia per averti portata fin là.....buon lavoro cara...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono stata spiattelata in Sudtirol con perfetta efficienza altoatesina

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. ho eliminato il mio successivo commento, solo perchè doppio...

    RispondiElimina
  6. e invece trenitalia è stata clemente, non hai perso treni, non sei arrivata in ritardo e sei già a lavorare nell'ospedale a tre treni da casa.
    brava. brava brava brava.
    e non parlare male di trenitalia per favore che se ti sentono si scantano e ti fanno perdere le coincidenze!

    RispondiElimina
  7. p.s. ti ci vuole un tablet, si, ti ci vuole proprio un tablet

    RispondiElimina
    Risposte
    1. babbo natale ormai arriva l'anno prossimo

      Elimina
  8. Un in bocca al lupo di proporzioni galattiche per la nuova (o vecchia ma rinnovata) avventura ma ancor di più in bocca al lupo per gli spostamenti in treno. Il lupo in quest'ultimo caso, potrebbe avere le sembianze dell'ex AD di Trenitalia Mauro Moretti che tanto ma tanto tanto ha fatto per il trasporto pubblico su rotaia.....

    RispondiElimina
  9. Io ti ho pensato intensamente e ho visto che tutto è andato liscio. Evviva.

    RispondiElimina
  10. Cara Amanda, se le tre coincidenze avvengono nel paesaggio che ci hai mostrato nella foto posso dirti che ti "poteva andare peggio" ...a parte la pioggia ( Marty Feldman in Frankenstein Junior). Buon viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì il paesaggio è davvero incantevole :)

      Elimina
    2. quello è proprio il mio ultimo trenino, corre sotto le montagne in mezzo ai meli

      Elimina
    3. eh già, poteva andarti parecchio peggio!!! Io ne prendo solo due al giorno ma passano in posti così desolati che... Però mi immergo nella lettura senza distrazioni. Con quel paesaggio lì, invece, avrei sempre la testa tra le nuvole!!

      Elimina
    4. Ma non mi dire! lavori a Malles?

      Elimina
    5. più in giù, a Malles non c'è ospedale :)

      Elimina
  11. Rocky ti accompagnerebbe solo per correre beato in un praticello come quello della foto....ti auguro che il tratto di competenza Sudtirol compensi per efficienza quello derelitto nostrano..buoni viaggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che il trenino della venosta ha un unico problema: è a binario unico se il treno in senso contrario porta ritardo tu devi fermati circa a metà strada ad aspettare che arrivi

      Elimina
  12. Ma tre giorni e dopo torni a casa vuol dire che fai solo una cosa una tantum oppure questi tre treni dovrai prenderli tutte le settimane? Non ho capito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Significa che vado in Sudtirol tre giorni a settimane alterne

      Elimina
    2. Ecco, era quello che mi chiedevo anch'io. Quindi ci diventi una mezza pendolare, bene: il pendolarismo offre sempre grandi spunti di ispirazione per la scrittura, se non ti ammazza per la stanchezza, di sicuro ti rinvigorisce nella scrittura (e pure nella lettura, visto il lungo viaggio!)!

      Elimina
    3. devo trovare il modo di scrivere, taccuino a parte; in effetti quando sono lì, sono sconnessa, il furbofono non mi è congeniale come sistema di scrittura

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari