Quando i piccioni fanno ooohh






Qualcuno turi le orecchie alla Cri per cortesia, o meglio le tappi gli occhi, ma ora ve lo confesso. Ho sperato, giuro, anzi anelato, che la mandria di chef, di cui si va popolando in modo esponenziale l'italico stivale, prendendo l'abbrivio dallo spietato capo supremo, dall'idolatrato membro della trimurti Pelaspadellaaffettaeinsulta della tivvù, il Cracco Carlo in persona, iniziasse a riempire forni e padelle di piccioni, avevo già pensato di mettere su un banco al mercato di membri della crescente - quasi come quella degli chef- colonia del mio tetto e invece no: il piccione è specie protetta.
Dico il piccione specie protetta: come la tigre del bengala, il panda, la talpa dorata di Juliana, il rinoceronte di Sumatra, la foca monaca, la talpa dai piccoli denti, il pipistrello della frutta con le narici a tubo delle Filippine o il rinolofo di Imaizumi. Potrei dunque fare un documentario, e venderlo al National Geographic, sul piccione scagazzante sui miei lucernari, o sul prato crescente sui coppi del mio tetto, quelli non ribaltati dal popolo protetto, concimato dal guano dilagante, o seguire nel tempo la colonizzazione di ogni balcone del rione che resta sfitto per più di due settimane, della serie che se un anno hai vacanze in più da smaltire, al rientro trovi la casa occupata dai piccioni che ti hanno cambiato anche la serratura della porta blindata. Al momento nel quartiere si contano più piccioni che cristiani (intesi come soggetti battezzati alla nascita) ma non è detto che in un molto prossimo futuro non supereranno anche i cristiani inteso alla pugliese, cioè mammiferi umani atei  convinti o appartenenti a qualsiasi religione più o meno omologata. Dunque se qualcuno in barba alla demente considerazione di determinare un essere pennuto, e scagazzante più di una vacca da latte, e che si riproduce più velocemente di quanto non fecero i conigli una volta sbarcati in Australia, specie protetta, volesse continuare a spadellare piccioni, sappia che da queste parti se ne trovano più che in Piazza San Marco a Venezia.

Commenti

  1. Ahahah beccata! Ma questa storia della specie protetta mi mancava!! Ma qual'è allora il criterio per mettere una specie "sotto protezione"? Comunque va beh, onestamente, se venissero gli chef che invochi, mi preoccuperei di più per le persone che mangerebbero quei volatili che per i volatili stessi, che non credo si siano nutriti di sementi biologiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io pure mi preoccuperei dei commensali, quegli zozzoni mangiano la qualunque

      Elimina
  2. l'unico piccione buono è quello nella "Bomba di Riso"

    RispondiElimina
  3. Cara Amanda, mi alzo in piedi e ti applaudo, ché malgrado il mio ben noto amore per i pennuti, io i piccioni li sterminerei volentieri anche da sola, come missione di vita. Però piuttosto che mangiarli divento vegana (scherzo, eh, Cri!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu pensa Silvia che qui sui Colli Euganei il torresano, piccione che vive su torri e campanili, sarebbe anche piatto tipico, ma a me la sola idea fa ribrezzo, ma se gli altri se lo mangiassero......

      Elimina
  4. Opoveripiccioni! Bestie sporche e gracchianti ma comunque bestie! Ma vogliamo parlare anche degli storni? Mica da sottovalutare la forza produttrice di guano degli storni! Paola di spadellatrice folle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. almeno i disegni che fanno gli stormi di storni nelle loro evoluzoni sono interessanti da vedere, ho avuto anche qualche migliaio di quelli per due o tre estati sul tetto

      Elimina
  5. Potrei capire quelli allevati a granaglie in campagna, ma mangiare i piccioni cittadini può essere salubre come uno stufato di pantegane. E' incredibile che siano una specie protetta, mi sa che appartengono a qualche lobby occulta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco appunto stufato di pantegane, tra un po' saranno anche quelle specie protetta, sicuramente ci sarà un P2 , P3, P4 del piccione :D

      Elimina
  6. A questo punto sbraco anch'io:
    MALEDETTI PICCIONI INFAMI
    per tutte le motivazioni sopra esposte e altre che per decenza e rispetto del blog non manifesterò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh no lasci tutto all'immaginazione!

      Elimina
  7. ahahahah era un po' che non passavo dal blog e l'ho fatto giusto stamani per questo godibilissimo post, hai tutta la mia solidarietà Amanda cara

    RispondiElimina
  8. ma i gatti , i gatti? non intervengono i felini? o hanno paura anche loro dei pennuti?

    RispondiElimina
  9. no dai il piccione protetto proprio no... cmq qua Genova abbiamo anche dei gabbiani geneticamente modificati gli manca solamente la scritta Ryanair!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari