Coperchio cielo






Il cielo così basso, che perfino io potrei toccarlo alzando un braccio, nasconde, sotto la coltre fitta di nubi, una timida imbiancata che a tratti appena si scorge.
Mentre fuori del finestrino meli e viti, nudi per questo miraggio d'inverno, scorrono veloci tra una minuscola stazione e l'altra.
Il treno, ora quasi vuoto,  riparte e muta il linguaggio del suo carico umano: iniziano i miei tre giorni da straniera

Commenti

  1. Che bello questo cielo dipinto ad acquerelli! In bocca al lupo per i tre giorni da straniera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tre giorni da straniera sono ormai routine

      Elimina
  2. Buona trasferta. E non so lì da te, ma da me sul lago ci sarebbe tanto bisogno di nuvoloni così che scaricassero giù un bel po' d'acqua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto il nord era così secco che dovrebbe piovere per mesi per tornare in pari

      Elimina
  3. E dopo tre giorni in quella vallata, tornare a casa permeata dall'odore di stallatico... profumo a confronto l'aria di città. Ti invidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà qui, per quanto migliore rispetto a casa, l'aria è comunque di città

      Elimina
  4. vado sempre di corsa, stavolta ho dimenticato "con" l'aria di città.

    RispondiElimina
  5. Ah, ah, ah, ho capito che se in in Sudtirol ;)

    RispondiElimina
  6. Si è sempre stranieri per qualcun altro (per fortuna!) :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io da straniera lì non ci sto mica male :)

      Elimina
  7. E adesso hai superato la metà dei giorni. Poi ritornerai in patria?

    RispondiElimina
  8. Il cielo è sempre il coperchio di ognuna delle nostre vite. Spero che i tuoi giorni da straniera ti aiutino a riconoscere la tua casa quando tornerai
    daniel

    RispondiElimina
  9. L'importante è non essere straniera a casa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari