Dopo la bomba










In memoria del tiglio odoroso che ha protetto per anni le finestre della mia classe al liceo, dei ginkgo biloba snelli ed eleganti, dei frondosi bagolari e delle decine e decine di pioppi che non hanno retto a questa folle estate che noi uomini abbiamo mutato e di cui paghiamo tutti le conseguenze.

Commenti

  1. credimi Tiziana ieri la città era stravolta, "cadaveri" di piante schiantate ovunque, coperture di cappannoni volate tre strade più avanti, pezzi di intonaco, cartelloni stradali, pali della luce divelti , sottopassi allagati e per fortuna quest'anno non ci sono state vittime come lo scorso anno

    RispondiElimina
  2. pensavo che parlassi della partita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porco quella non era una bomba era una fine del mondo

      Elimina
  3. Oh mamma che disastro. Anche il tiglio, che di solito è un bell'albero robusto :-((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ieri sono passata di fianco al cadavere sezionato vedessi che stazza aveva!

      Elimina
  4. non ci sono più le stagioni di una volta

    RispondiElimina
  5. avevo sentito dei disastri, ma vedere è peggio, molto peggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ti assicuro che questo che vedi è niente e sabato abbiamo fatto il bis e quel gran genio del nuovo sindaco che spreca il tempo in crociate che nessuno, men che meno Papa Francesco, gli ha chiesto, con tutto che altri disastri erano annunciati non ha fatto pulire i chiusini dalle foglie e dai rametti determinando l'allagamento di molte parti della città, chissà come arriveremo alla fine dei prossimi 5 anni!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari