Inventala tu la mia storia

Carole Hénaff





inventala tu la mia storia
che sai i colori del carattere
e le ragioni del mio nome,
scegli i pezzi giusti,
quelli della passione pura,
che vanno infine a posto
e che compongono la nostra
(unica) figura



Enrico Testa  In controtempo (Einaudi, 1994)

Commenti

  1. come sentirsi un puzzle vivente.....
    bella anche l'immagine :)

    RispondiElimina
  2. non c'è altro da aggiungere....

    RispondiElimina
  3. Come chiedere a una madre di rifare il figlio
    come l'avrebbe voluto e non com'è.
    Ognuno mi rifarebbe diverso
    perchè di me conosce solo un pezzetto
    e anche se si mettessero tutti insieme
    ne verrebbe fuori uno diverso ancora
    e nemmeno io se mi rifacessi tutto
    riuscirei a rifarmi come sono.
    Non c'è niente da fare,
    siamo unici e irripetibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma siamo quella essenza per ognuno diversa, come un profumo appunto che assume sulla pelle di ogni persona una nota diversa, perfino per la stessa persona che lo indossa in momenti diversi, benvenuto Massimo

      Elimina
  4. Fantastica!..sicuramente

    Un abbraccio, Edo

    RispondiElimina
  5. La sua dote è la semplicità, ma non è così semplice come sembra.

    RispondiElimina
  6. non è facile per nulla... veramente bella, doc!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari