Identitificazioni






Ufficio anagrafe , servizio carte d'identità elettroniche del mio Comune. Ci lavora, da almeno 10 anni, una Signora molto gentile dall'improbabile frangetta. La Signora secondo me sognava di fare dell'altro, oppure no, ma ci mette una tale passione in quello che fa che sembra un regista durante la lavorazione della sua opera prima. La macchinetta che fa la carta d'identità elettronica, ti prende l'impronta digitale e ti fa la foto, quindi non arrivi tu con la foto scattata dal fotografo e poi scelta. Quando entro nell'ufficio la Signora sta "dirigendo" una coppia di anziani coniugi: "Sia più, sorridente e rilassato, no, non ci siamo così è accasciato non rilassato" l'uomo si raddrizza un poco e sorride "guardi un po' più a sinistra e pensi a qualcosa di bello" l'uomo pare finalmente più naturale. "Bene ora controlli se le piace" l'uomo guarda la foto, ma non si trova di suo gradimento. L'impiegata- regista imperturbabile, ricomincia tutto da capo "deve piacersi, sarà il suo documento di riconoscimento per 10 anni". Finalmente all'ennesimo ciak trovano una soluzione soddisfacente per entrambi. E' il turno della moglie. La signora al primo risultato si trova pallida. La regista Frangetta dice "La capisco, colpa di questi neon, ma non si preoccupi, se suo marito ci aiuta ho la soluzione" rovista in un portaombrelli e pesca un enorme parapioggia color glicine, lo apre e lo consegna al marito, posiziona il marito in modo da schermare al meglio le luci cadaverizzanti e poi procede allo scatto, Il risultato è perfetto. I due coniugi se ne vanno soddisfatti. Ora secondo voi quando poi è toccato il mio turno sono stata diretta dalla regista Frangetta? Naturalmente no, mi è capitato il suo collega che al primo scatto mi aveva fatto una foto contemporaneamente deformata ed  adatta all'utilizzo da parte di un'impresa di pompe funebri, così mi sono permessa di dire: "non è che sono troppo vicina all'obbiettivo?" Seccato per per la mia obiezione ha scattato una seconda volta, ma senza spostarmi di un millimetro e facendomi tenere un foglio di carta sotto al viso; ha girato lo schermo nella mia direzione con lo sguardo che mi diceva "prendere o lasciare, perchè se offri questa materia prima niente e nessuno potrà fare di meglio" mi ha fatto una foto che mi ha reso chiaro, se ancora non lo fosse stato, a quasi 30 anni dagli esami di anatomia, il concetto di turricefalia. Sarò turricefala fino all'agosto del 2023. Qualcuno faccia sapere alla regista Frangetta che avrei molto voluto essere diretta da lei, come cinque anni fa quando mi fece un minibook degno di una star

Commenti

  1. Ma noi lo sappiamo che invece tu sei bellissima Amanda!!! buona Pasqua passerotta!
    Sandra

    RispondiElimina
  2. Provvederò a riferire.
    Auguri a tutto il blog.
    Damigiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo alla Regista Frangetta spero! :D

      auguri anche a te Dami

      Elimina
    2. Ovviamente!
      Anzi mi hai così incuriosita che proverò a sondare il terreno tramite un mio "agente" infiltrato presso il settore servizi demografici.
      Damigiana

      Elimina
  3. Ogni volta che leggo le tue avventure mi chiedo
    "ma chi sarà quel culorotto del marito!"

    è bellissimo leggerti.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il 3/4 è un uomo speciale perché mi sopporta da tanto di quel tempo che si è perso il conto

      grazie anche leggere te

      Elimina
  4. Che avventura! ma perchè non ti sei fatta la carta d'identità all'antica? noi qui possiamo scegliere e io ho scelto di avere ancora quella di carta e con una bella fotografia scattata del fotografo regista come la signora frangetta.
    Buona Pasqua frequentatori del blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che ormai era la terza elettronica e sono andata per inerzia

      Elimina
  5. Per un non fotogenico come me sarebbe una tragedia... Meno male che io mi sono appena rifatto quella di tipo vecchio, con fotografia realizzata da amico professionista (stessa foto del nuovo sito e che ho messo in cima al blog...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tzè il professionista amico lui....
      la prossima volta chiamo Lillo io allora

      Elimina
  6. Ti è andata proprio male, e pagherai quell'attimo per dieci anni.
    Spero comunque che il risultato dello scatto del fotografo scostante non sia paragonabile a quello dell'immagine che hai linkato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè Franz un po' si esagera.... un po'

      Elimina
  7. La foto sui documenti è sempre un'avventura, ma la tua le batte tutte. Potevi almeno farcela vedere ;)

    Auguri di Buona Pasqua a tutti voi che frequentate questo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al prossimo raduno
      quindi decidete la data ed il luogo

      Elimina
  8. ma non pubblichi la carta d'identità turricefala?
    Turrimanzala. Turriporcolo. sembrano tutti dei Settenani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te la farò vedere al prossimo fattoria incontro

      Elimina
  9. ah ah... nella mia praticamente sembro un fantasma

    RispondiElimina
  10. :-DD Turricefalo!! Non conoscevo questo termine, è bellissimo!
    Io sono rassegnata alle mie foto orrende sui documenti, d'altronde le vedono solo all'aeroporto, peggio per loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la prossima volta che dovrai tradurre un libro con termini medici ti faccio un corso :)
      secondo me quelli degli uffici anagrafici ce l'hanno con quelli dell'ufficio dogana per qualche motivo

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari