Jasmine tour





Per non farsi prendere dal panico nei periodi di scarso lavoro, bisogna vivere le giornate libere come fossero un regalo. Quindi lunedì, abbiamo inforcato le bici e siamo partiti. Finito il periodo lacrima, soffia, starnutisci, prudi, fatto lo slalom tra un diluvio e l'altro ci siamo ritagliati una mattina di ventocontro per gran parte del giro e cielo cristallino: uno splendore il cielo cristallino, il ventocontro mica tanto. Il 3/4 sostiene che in salita io abbia la faccia stravolta, sarà per quello o per la mia velocità da tartaruga arrancante, fatto sta che trovo sempre qualche ciclista che mi consola sulla durata o l'asperità della salita rimanente e mi incoraggia. Quando, come in questo caso, l'intero tragitto, circa 70 km, è in odorama, tutti i sensi ringraziano. Il gelsomino, se ci passi vicino a piedi, a volte emana un olezzo persino troppo intenso, ma se ci metti dentro il naso in corsa irradia il suo dolce profumo alla giusta gradazione e di siepe in siepe, su e giù per colli abbiamo fatto un tuffo nella delizia. Oggi sono tornati grigio e pioggia, ma se chiudo gli occhi posso ancora afferrare colori e odori





Commenti

  1. Ciao Amanda, in questi giorni non ho tempo di commentare, ma un salto da te ad annusare un po' di gelsomino l'ho fatto ugualmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la mia tedesca :) sniffa sniffa

      Elimina
  2. e sentire i profumi, e l'aria sulla faccia...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari