troppa estate fa male




Fatemi lamentare vi prego, perché fa caldo, tanto caldo (in questo momento qui 37°), perchè voi siete in ferie o ci state per andare ed io come ogni estate lavoro doppio e non vedo un'idea di ferie almeno fino al 15 settembre, perché le Colleghe che sto sostituendo (2 non 1) non hanno nè segretaria, nè aria condizionata, quindi il mio telefono suona dalle 8 del mattino alle 7 della sera ed io boccheggio, perché la gente si ostina a fare figli anche quando non ha di che mantenerli e poi si lagna perché le gocce per il naso o le bustine per la stipsi dei loro figli, che loro decidono allegramente di procreare, nonostante tutto, non le passa la mutua, o perché la mutua passa il latte artificiale per i primi mesi di vita, ma non per i successivi sei, come se un bambino costasse solo quei soldi lì e lo Stato dovesse sobbarcarsi il mantenimento incondizionato di tutti (qui sto scivolando per un china criticabilissima, ma vorrei più paternità e maternità responsabili), perché i bambini si ammalano anche di cose gravissime ed è una pena assistere alle loro sofferenze, perché c'è ogni giorno almeno un bambino che fa scenate inenarrabili per farsi visitare e questo succede soprattutto ai bimbi sani che debbono fare i bilanci di salute (cioè stabilire se crescono bene sotto tutti i punti di vista) e soprattutto in estate, pure loro sono isterici con il caldo, perché giustamente tutti i genitori mettono i bimbi in ammollo nelle piscinette onde evitare che gli si essicchino, ma regolarmente quelle dannate piscinette, se non adeguatamente trattate, sono brodi di coltura per le peggiori bestiacce e le orecchie regolarmente si infettano e dolgono da morire, perché in estate tutti vogliono la diagnosi telefonica perché sono al mare o in montagna, loro, e vorrebbero che tu capissi cosa diavolo hanno e poi dessi la tua benedizione curativa urbi et orbi, così, loro, possono ritornare a farsi le loro meritate vacanze, perché se uno parte da una temperatura di 37° poi, quando ha la febbre, arriva dritto come un fuso a 40° e così tutto diventa, urgente, impellente, improcrastinabile. Fatemi lamentare perché senza aria condizionata non si dorme, ma con l'aria condizionata, tarata a 28°, mica a 18°, mi si abbassa la voce e sembro un trans o una incallita fumatrice e poiché già parlo tanto di mio e parlo ancora di più facendo il mio lavoro, la voce stenta a tornare e canto male ed io se non canto non sto serena


Forse, ma dico forse, con le lamentele può bastare, per oggi.
Lo so sto invecchiando e questo non giova , abbiate pazienza

Commenti

  1. Coraggio Ama', ha dda passa' 'a jjurnata... ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e poi pensa che ora hai la voce adatta per cantare, come un'altra famosa Amanda: "Voulez-vous, renez-vous, tomorrow..."

      Elimina
  2. ho passato l'infanzia a dire mi chiamo amanda e a sentirmi dire: Lear? ecco speravo di avere già dato

    RispondiElimina
  3. lamentati cara, ne hai tutte le ragioni...certi genitori sono più viziati dei loro figli....

    RispondiElimina
  4. Amanda, ma a lamentarti ti viene ancora più caldo!!!
    Chissà perchè non ti avevo mai abbinata alla Lear, piuttosto alla Sandrelli.

    RispondiElimina
  5. Io che pratico l'arte della lamentela con passione e voluttà ti sono solidale, sorella. Il lamento è uno sfogo sacrosanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finalmente qualcuno che mi capisce :)

      Elimina
  6. Non mi avrete mai ;-))))))!!!

    RispondiElimina
  7. Lamentati, che ne hai tutte le ragioni. Se non altro perché, con la prospettiva delle ferie tra più di un mese, agosto per te non deve essere diverso da un enorme, lungo, terribile lunedì! Ma pensa che quando a settembre partirai per qualche giorno di meritato relax in chissà che meraviglioso chalet di montagna, il resto del mondo morirà d'invidia... Me compresa ;-)

    RispondiElimina
  8. Oh, brava, almeno sfoghi! Io invece ho tentato di mantenere l'umore alto per giorni, ma oggi non ce l'ho fatta più e visto l'odio per questa fonte di calore miniaturizzata che è il mio computer ho iniziato a lavorare quando il sole era sulla via del tramonto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci avevo pensato potrei aprire gli ambulatori di notte!

      Elimina
  9. Che ci vuoi fare? A volte si diventa idispensabili... per le vacanze altrui!
    Ma guai a chi attenta alla tua voce!!!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se stessi zitta recupererei più in fretta, ma col mio lavoro è impossibile, e col mio carattere anche :)

      Elimina
  10. Miele balsamico al pino mugo ed eucalipto! Ti torna la voce e ti prende subito un bell ' attacco di nausea perché fa veramente schifo. ....d'altronde non si può avere tutto. ... Magari lo compri e lo dai a cucchiaiate a qualcuno dei tuoi frignosi pazienti. .e ai genitori ;))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari