Sonata al chiaro di luna





Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. [...].

Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore).
Lasciami venire con te.

Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te. [...]. 



Ghiannis Ritsos

Traduzione di Nicola Crocetti

Commenti

  1. Ah, che meraviglia. Mi piacerebbe molto andare allo spettacolo di Moni Ovadia, chissà se da Reggio Emilia si trasferirà a Milano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moni Ovadia l'ho sentito alcune volte a Padova in piazza con delle letture di impegno civile, ma mai in uno spettacolo teatrale, effettivamente ne varrebbe la pena

      Elimina
    2. Silvia volevo ringraziarti per aver tradotto "venivamo tutte per mare" uno dei libri più belli letti negli ultimi tempi, feci il post anche di quello sul vecchio blog, come promesso mai più libri stranieri senza il nome del traduttore nel nuovo blog (almeno quelli postati da me) :)

      Elimina
    3. Bravissima! :-)
      "Venivamo tutte per mare" è piaciuto tanto anche a me, è stato bellissimo da tradurre. Tra poco esce "Quando l'imperatore era un dio", il suo primo libro, sempre per Bollati, sempre tradotto da me.

      Elimina
    4. se vale quanto il secondo non me lo perdo di sicuro

      Elimina
  2. A me questi capelli bianchi fanno pensare ad un amore tardivo ma mai sfiorito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel senso di un reincontro tardivo?

      Elimina
    2. Sì, nel senso di un amore sfuggito, mai dimenticato e poi ripreso.

      Elimina
  3. Risposte
    1. vero Ernest? sbircio sempre nel sito di Crocetti e questa mi sono detta che la volevo condividere con voi

      Elimina
  4. Non si può dire di no alla luna, anche con qualche capello bianco, c'è ancora voglia di dire si alla notte. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco ora con più cognizione: benvenuto

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari