La consistenza dei sogni



Vladimir Pajevic



A volte le sembrava di avere la stessa consistenza dei sogni.....
L'uomo le donava immagini, parole, cadenze e melodie e poi, poi la rapiva e la portava nei suoi sogni.

E in quelli lei possedeva mille gatti, o chiacchierava, in albe luminose davanti a tazze di the profumato, di musicisti morti ancora ragazzi per troppo dolore nel mettere un giorno davanti all'altro.

In questi sogni c'era tanta vita che sembrava di poterne annusare l'odore ed assaggiare il sapore.

Quindi lei aspettava il racconto di un nuovo sogno come quando si sfoglia un album di fotografie dell'infanzia: nella foto ci sei e ti sembra di ricordare anche se non sei mai certo di quanto viene dal cassetto della memoria e quanto ti è stato donato da chi con te ha vissuto quel momento con maggiore consapevolezza.

Questo finiva col generare in lei immagini oniriche di loro due quando era sveglia.


Così un giorno tastava la sabbia, ancora non troppo calda sotto i piedi a primavera, e sentiva il vento tra i capelli mentre ridendo facevano volare gli aquiloni.

Un altro lo accompagnava alle Zattere a mangiare un gelato con l'odore della Laguna in un giorno di settembre.
Tra sogni e pensieri il legame si era fatto profondo, la vita lieve. Non c'era che da raccontare.

Commenti

  1. anche questa volta, non so perché, alcuni links non sono evidenziati, scorrete col cursore sopra le parole per scoprirli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bello lo sfondo a palloni

      Elimina
    2. Porco i tuoi commenti fanno stare bene :D

      Elimina
    3. Ma non sono palloni!!!
      sono i lampadari da giardino dell'IKEA ad alimentazione solare
      APPLRONBERGNAR.
      4,99 euro.

      Elimina
    4. Porco per un attimo infinito ho temuto che esistessero davvero i lampadari ikea applronbergnar e ancor più che tu ne avessi cercato il prezzo sul catalogo :D

      Elimina
  2. i sogni... possiamo vivere nel paese dei sogni? anche senza link va bene uguale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova Sandrina sei la persona giusta

      Elimina
  3. "lo accompagnava alle Zattere a mangiare un gelato con l'odore della Laguna in un giorno di settembre"
    vale l'intero racconto, anzi, di più.

    RispondiElimina
  4. Per fortuna ci sono i sogni ....con la loro consistenza.
    Giusto per sapere: trovi prima i links e poi costruisci il racconto o viceversa? Le liaisons sono sempre perfette,
    bellissima la poesia di Alda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima scrivo e poi cerco
      stavo giusto per mandarti un sms per sapere come stavi, mi mancavi :)

      Elimina
  5. io ultimamente sogno tanto... piccoli sogni a ripetizione. Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me succede spesso così all'arivo del primo fresco :)

      Elimina
  6. Io ricordo raramente i sogni, e sono sempre molto oscuri, sfoghi delle mie ansie giornaliere. Scene da Thriller che è meglio non condividere per non finire in una stanza coi materassi alle pareti! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è che mi faccia mancae anche quelli :)

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari