Quando sono diventata un frutto




 
Lui Liu




Quando sono diventata un frutto
Allora mi hanno presa 
La mia risata
Era
Bella
La mia nudità
Azzurra
E il mio peccato
timido
Volavo sulle piume di un uccello e di notte diventavo un guanciale
Hanno gettato il mio corpo nei talismani
cosparso il mio cuore con il nettare della follia
Mi hanno recato un frutto e dei racconti
affinché io vivessi senza radici
E da quel momento vago da un luogo all’altro
Indosso una nuvola ogni notte e parto
Solo io mi dico addio solo io mi do il benvenuto
Volo per sentirmi libera non perché ho paura
Torno dal desiderio non dal fallimento
Tutto quel che voglio è vagare da un luogo all’altro per ardere dal desiderio
Quando l’ignoto mi conduce a sé
la mia costanza è il mare e nella mia unione v’è la tempesta
nell’amore non getto l’ancora nel porto
il mio corpo è il viaggio e la mia morte è fermarmi in un luogo
di notte lascio gran parte di me stessa
per abbandonarmi a un forte abbraccio quando ritorno
i miei fratelli gemelli sono la distanza e le isole
l’onda e la sabbia della spiaggia
il rifiuto e il desiderio voluttuoso della luna
l’amore e la morte dell’amore
durante le ore del giorno
esisto
la mia risata per gli altri il mio viaggiare per me
la sera tutto si trasferisce verso il luogo in cui abita il mio corpo
e ogni mattina il tutto mi risveglia dalla mia assenza
chi comprende il mio ritmo mi conosce
mi segue pero non mi raggiunge mai.



Joumana Haddad
traduzione V. Colombo

Commenti

  1. Amanda, le poesie che scegli sono una più bella dell'altra. Grazie anche di questa.

    RispondiElimina
  2. La tua bocca, frutto aperto
    al baciarla offre
    perle in una chicchera
    di miele e amarene.
    Donna: antologia
    di frutti e nidi
    letta e riletta
    con i miei cinque sensi.
    Jorge Carrera Andrade

    spacciatore ma anche un po' tossico ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'ultimo stadio, è messo un gran male

      Elimina
  3. Bella! spacciatori o tossici che siano sono meritevoli di nota :-)

    RispondiElimina
  4. Joumana è una poetessa speciale,
    ma tutti i poeti lo sono
    e quindi ho scritto una banalità.
    Dei poeti non si scrive,
    si leggono o si ascoltano.

    RispondiElimina
  5. bellissima, è una poesia molto intensa, delicata, musicale, suscita delle belle immagini, pulsa...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari