Lo sai



Come mi vorresti, come mi hai?
Sono colpa tua,
lo sai?

 

Quint Buchholz




Sono la testa girata all’improvviso,
la felicità parcheggiata senza scontrino,
il vento che fa sbattere la porta,
sono i centimetri mancanti per arrivare alla maniglia,
il primo piano del meglio che posso

Sono la tua stella a San Lorenzo,
le notti non finite,
l’illogica coincidenza degli incontri
sono le righe pedonali che ti attraversano dentro,
sono quello che non pensi e ti costringi a sognare

Come mi vorresti, come mi hai?
Sono colpa tua,
lo sai 

Sergio Serraiotto

Commenti

  1. amanda...
    è una poesia meravigliosa, siamo e r[esistiamo] altresì in funzione di come riusciamo ad abitare... gli altri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appena l'ho letta ho pensato che volevo condividerla con voi

      Elimina
    2. ed io ti ringrazio... ^ _ ^
      sono così tante le perle... cose preziose che non conosciamo e condividerle ci consente di rendere partecipi anche gli altri di tanta bellezza

      Elimina
  2. Ma lo sai che è bellissima? Nella sua semplicità mi ha semplicemente conquistato. Si gusta come un cocktail di intelligenza e di emozioni.
    Grazie a te e a chi l'ha scritta! :)

    RispondiElimina
  3. Grazie per l'ospitalità. Sergio Serraiotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sergio è un onore, benvenuto, tramite Antonio Lillo sono arrivata al blog di Alessandro Canzian e di lì ai tuoi versi che mi hanno conquistata

      Elimina
  4. E' proprio così quando una persona entra nella tua vita....è proprio come dovrebbe essere.

    RispondiElimina
  5. Bella davvero, grazie ad Amanda che l'ha pubblicata e grazie a Sergio che l'ha scritta.

    RispondiElimina
  6. Amanda, la scopritrice di tesori :-)

    RispondiElimina
  7. iomilanese-laura13 novembre 2013 00:28

    ricambio così:http://www.youtube.com/watch?v=GkanqxP3jmg
    ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari